Pronto Walkman, il robot umanoide che usa il trapano e guida

MeteoWeb

Walkman si prepara a partire da Genova, dove e’ stato allestito in tempo record in collaborazione con il centro di ricerca “E. Piaggio” di Pisa, nell’ambito di un progetto europeo

E’ altro 1 metro e 85 centimetri, pesa un quintale, ha mani morbide che sanno afferrare e usare il trapano e sta imparando a guidare: si chiama Walkman, e’ un robot umanoide ed e’ stato costruito in Italia dall’Istituto Italiano di Tecnologia (Iit). Rappresentera’ l’Europa nella piu’ importante competizione mondiale di automi, la Darpa Robotics Challenge (Drc), organizzata dal Dipartimento per la Difesa degli Stati Uniti il 5 e 6 giugno a Pomona, vicino Los Angeles. Obietto della competizione e’ definire gli standard tecnologici dei robot da impiegare in situazioni di disastro naturale o causato dall’uomo. Una sfida nella quale Walkman si trovera’ ad affrontare 25 concorrenti provenienti da Stati Uniti, Giappone, Sud Corea, Hong Kong e Cina. I tre vincitori si divideranno il premio, che ammonta a 3,5 milioni di dollari. Walkman si prepara quindi a partire da Genova, dove e’ stato allestito in tempo record in collaborazione con il centro di ricerca “E. Piaggio” di Pisa, nell’ambito di un progetto europeo. L’esame che lo aspetta negli Usa e’ tutt’altro che semplice. I robot in gara dovranno infatti dimostrare di saper camminare e operare in autonomia, salire scale e superare altri ostacoli, aprire porte e girare valvole, manovrare utensili di lavoro, guidare un veicolo. In piu’ occasioni le comunicazioni fra ricercatori e robot verranno interrotte per rendere ancora piu’ realistica la simulazione di una situazione di emergenza. “Siamo molto orgogliosi di potere partecipare alla Drc con un progetto costruito interamente in Italia e in rappresentanza dell’Europa”, osserva il direttore scientifico dell’Iit, Roberto Cingolani. E il responsabile del progetto, Nikolaos Tsagarakis, guarda gia’ oltre: dopo la gara, dice ”ci confronteremo con altri scenari definiti insieme agli enti di Protezione civile”.