Ricerca: il panda non è fatto per la dieta a base di bambù

MeteoWeb

Il panda gigante discende da orsi che si cibavano di piante e carne, due milioni di anni fa ha iniziato a nutrirsi di soli bambù

I panda giganti, noti per la loro voracita’ di bambu’, in realta’ non sono fatti per seguire una dieta vegetariana e il loro menu’ potrebbe portarli all’estinzione. A dirlo e’ uno studio cinese pubblicato sulla rivista mBio, che sottolinea come la flora intestinale di questi animali non sia caratterizzata dai batteri adatti a digerire bambu’, ma da altri tipici degli orsi carnivori. Il panda gigante discende da orsi che si cibavano di piante e carne; due milioni di anni fa ha iniziato a nutrirsi di soli bambu’. Tuttavia, al contrario di altri animali con una dieta a base di piante, che con l’evoluzione hanno sviluppato sistemi digestivi adatti ad assimilare le sostanze vegetali, “il panda gigante conserva ancora un tratto gastrointestinale tipico dei carnivori”, ha spiegato Zhihe Zhang, direttore del Chengdu Research Base of Giant Panda Breeding e tra gli autori dello studio. “Questi animali – sottolinea ancora Zhang – inoltre non hanno geni per enzimi per la digestione delle piante nel loro genoma. Questo scenario combinato potrebbe aver aumentato il loro rischio di estinzione”. Nonostante trascorrano fino a 14 ore al giorno mangiando oltre 12 kg di piante e gambi, i panda giganti riescono a digerire solo il 17% di quello che consumano. Analizzando le loro feci, gli studiosi hanno scoperto che queste erano composte in gran parte da frammenti di bambu’ non digeriti. Inoltre, hanno notato diversita’ della flora intestinale molto bassa, con una composizione tipica di orsi onnivori e carnivori, con bassi livelli di batteri pensati per ‘decostruire’ la cellulosa dei bambu’ e assorbirne i nutrienti. La flora intestinale e’ del tutto diversa da quella degli altri erbivori: non e’ infatti caratterizzata da batteri come Ruminococcaceae and Bacteroides (presenti negli erbivori), ma da Escherichia Shigella e Streptococcus, come negli orsi carnivori.