Smog e Ambiente, cresce la vendita di biciclette in Italia: +6,6%nel 2014

MeteoWeb

 

Dati positivi per l’Italia sul numero di biciclette vendute: è un’ottima notizia per l’ambiente

“Sono 1.644.592 le biciclette vendute in Italia lo scorso anno, cifra che in termini percentuali significa un +6,6% rispetto al 2013 (1.542.758 unita’), complice anche un andamento climatico favorevole nella prima parte dell’anno. La tendenza si conferma anche nei principali paesi europei. In leggero aumento la produzione con 2.728.600 biciclette (pari a +2,1%), trainata sempre dall’export che si e’ attestato sui 1.765.819 pezzi (+1,1%), con Italia protagonista che si conferma il principale produttore europeo, soprattutto per il segmento ragazzo fino a 20 pollici”. Cosi’ una nota di Confindustria Ancma- Associazione nazionale ciclo motociclo e accessori. “La bici oggi rappresenta una delle piu’ importanti soluzioni per la mobilita’ sostenibile- dichiara Corrado Capelli, Presidente di Confindustria Ancma- Si risparmia in consumo di carburante ed emissioni, si guadagna in salute e velocita’ di trasferimento nelle citta’ congestionate dal traffico. Inoltre, chi decide di pedalare contiene i costi di gestione. Continueremo nella promozione e nella tutela dell’intero comparto e delle numerose attivita’ che contribuiscono a fare cultura delle due ruote. Al Governo chiediamo provvedimenti che vadano in questa direzione e che puntino a rendere l’Italia un paese in linea con gli standard delle best practice europee. Studi internazionali dimostrano che un euro investito in ciclabilita’ ne restituisce 4/5 alla collettivita’ intera in meno di tre anni. Un metro di pista ciclabile puo’ costare dai 20 ai 400 euro”.

bicicletta 01“Le biciclette piu’ vendute sono le trekking o city bike (32%), seguite dalle mountainbike (31%), le bici da bambino (18%), i prodotti da corsa (6%), le classiche (9%), le elettriche (4%). In aumento- prosegue Ancma- le vendite di bici pieghevoli, seppure siano ancora numeri di nicchia (circa 45.000 pezzi anno). La possibilita’ di essere trasportate agevolmente come fossero bagagli sui treni, soprattutto su quelli ad alta velocita’, ne favorisce la diffusione. Diverse aziende stanno rinforzando la propria gamma anche con modelli a pedalata assistita pieghevoli”. Resiste il segmento del lusso che conferma i numeri dello scorso anno. “I circa 22.000 esemplari di alta gamma sono costituiti da diversi modelli: bici da corsa, pieghevoli, extra performanti, mountain bike e da passeggio. In questo caso, il fattore determinante e’ la scelta della qualita’ dei materiali, la ricercatezza e l’ampia possibilita’ di personalizzazione”. L’analisi geografica pone il Nord Est “al primo posto per le vendite, nonostante una popolazione inferiore in termini numerici rispetto ad altre zone. In particolare, svettano Veneto ed Emilia Romagna, che ospitano strutture e infrastrutture dedicate alla bicicletta in grado di sostenerne l’acquisto e l’uso. Laddove esiste integrazione di mezzi pubblici veloci con corsie preferenziali per le bici, piste ciclabili, zone 30, Ztl, parcheggi, trasporto sui mezzi pubblici, la bicicletta risulta il veicolo piu’ pratico, rapido e conveniente: il 50% degli spostamenti all’interno dei centri urbani e’ inferiore ai 5 Km e in questi casi la bici risulta essere il mezzo piu’ veloce”.