SOS per i delfini di Maui, rischiano l’estinzione entro 15 anni

MeteoWeb

Il numero di questi esemplari è drasticamente diminuito dagli anni ’70 prevalentemente a causa delle attività di pesca

Il delfino di Maui (Cephalorhynchus hectori Maui), il piu’ piccolo e raro al mondo che nuota nelle acque della Nuova Zelanda, potrebbe estinguersi entro 15 anni se non saranno intensificate misure volte alla sua protezione. L’allarme arriva da una ricerca dell’associazione ambientalista tedesca Nabu, presentata alla International Whaling Commission (Iwc) nell’ambito di un meeting in corso a San Diego, in California. Il numero di questi esemplari, si legge nello Studio, e’ drasticamente diminuito dagli anni ’70 prevalentemente a causa delle attivita’ di pesca: i delfini di Maui vivono infatti fino a 100 metri di profondita’ solo al largo dell’isola del Nord della Nuova Zelanda e spesso muoiono finendo nelle reti dei pescatori. La popolazione attuale, secondo i dati presentati, e’ al di sotto dei 50 esemplari. Se ne contavano 59 nel 2010-2011, mentre tra 2014-2015 sono scesi a circa 43-47. Dunque ogni singolo esemplare e’ prezioso per la sopravvivenza della specie. Tra l’altro, sottolinea il rapporto, alla mortalita’ dovuta alle reti da pesca (il 95% nel 2012) si devono aggiungere altre minacce: una recrudescenza di test sismici nei pressi del loro habitat e l’aumento di attivita’ relative alla produzione di petrolio e gas. Secondo il Nabu “la pesca dovrebbe essere vietata in tutto l’habitat del delfino” e non solo in aree limitate. “I nuovi dati sono un forte campanello d’allarme – spiega alla Bbc Barbara Maas (Nabu) -. La Nuova Zelanda deve abbandonare la sua posizione attuale che antepone gli interessi dell’industria ittica alla conservazione della biodiversita'”. Altrimenti l’estinzione di questa specie non sara’ piu’ questione di “se”, ma solo di “quando”.