Spazio: ancora nessuna data per il rientro di Samantha Cristoforetti

MeteoWeb

Il motivo dello slittamento è stato causato dal mancato attracco del cargo Progress M-27M

Rischia un prolungamento di due mesi la permanenza tra le stelle di Samantha Cristoforetti. La prima astronauta italiana della storia, che doveva rientrare il 14 maggio scorso dalla missione di lunga durata sulla Stazione Spaziale Internazionale, potrebbe ritornare l’11 luglio e quindi non piu’ l’11 giugno, data che comunque non era mai stata confermata ufficialmente dagli enti spaziali. Le ultime notizie ufficiali da parte dell’agenzia spaziale russa Roscosmos risalgono al 18 maggio quando ha dato comunicazione di aver corretto l’orbita della Iss. Poi piu’ nulla. Il motivo di questo slittamento e’ stato causato dal mancato attracco del cargo Progress M-27M, disintegratosi nell’atmosfera e precipitato nelle acque del Pacifico ai primi di maggio. Negli ambienti spaziali di Mosca, in particolare da una fonte del centro di controllo citata da alcuni media russi, si parla che l’atterraggio della navicella Soyuz TMA-15M con a bordo la Cristoforetti, ma anche il russo Anton Shkaplerov e lo statunitense Terry Virts, dovrebbe avvenire attorno alle ore 16,40 di Mosca (le 15,40 in Italia) dell’11 luglio. L’undocking (distacco) della navicella dalla Stazione Spaziale Internazionale dovrebbe avvenire attorno alle ore 13 italiane. Il luogo dell’atterraggio della capsula resta invariato, la steppa del Kazakistan nei pressi della localita’ di Dzhezkazgan a sud della citta’ di Karaganda. La Cristoforetti, causa questo slittamento, e’ l’astronauta italiana che ha trascorso piu’ giorni consecutivi nello spazio. L’astronauta dell’Asi ha migliorato il primato di permanenza che apparteneva a Paolo Nespoli con 175 (166 per Luca Parmitano). Se Samantha restera’ nello spazio oltre il 7 giugno, cosa che ormai sembra essere certa, migliorera’ anche il record internazionale femminile di permanenza consecutiva sulla Iss. Infatti, nel 2007 l’americana Sunita Williams rimase per 195 giorni consecutivi.