Venezia rinnova il suo voto e sposa il mare nella “Festa della Sensa”

MeteoWeb

La ‘Festa della Sensa’ ha portato alla bocca di porto del Lido tantissime imbarcazioni a remi tipiche della laguna, per quello che e’ chiamato lo ‘Sposalizio del mare’

Venezia, con la frase “ti sposo mare”, e il lancio di un anello in acqua, ha rinnovato il suo voto che vale rispetto e protezione reciproca con le acque, secondo una tradizione nata nell’anno mille. L’occasione, il giorno dell’Ascensione, e’ stata appunto con la ‘Festa della Sensa’ che ha portato alla bocca di porto del Lido tantissime imbarcazioni a remi tipiche della laguna, per quello che e’ chiamato lo ‘Sposalizio del mare’. A gettare l’anello il Commissario straordinario di Venezia Vittorio Zappalorto (la giunta e’ decaduta dopo le dimissioni del sindaco coinvolto nello scandalo Mose) mentre la messa, officiata dal Patriarca Francesco Moraglia, si e’ tenuta nella chiesa di San Nicolo’ del Lido. La cerimonia e’ una delle feste piu’ sentite dalla citta’ (assieme al Redentore e alla Salute) ed e’ da sempre celebrata in chiave politica per le conquiste fatte nel Mediterraneo durante i tempi della Serenissima e successivamente nel segno della tradizione popolare. La ‘Festa della Sensa’ e’ stata accompagnata da appuntamenti folcloristici, in particolare al Lido, e dalle prime regate per i cultori della voga alla veneta. Proprio su queste competizioni che culminano con la Regata Storica in Canal Grande, aleggiano dei dubbi per la mancanza di fondi per il bilancio pesantemente in rosso del Comune ma il Commissario, secondo fonti dell’amministrazione, sta provvedendo affinche’ la stagione remiera abbia il suo normale corso.