WWF: la popolazione di gorilla in pericolo, diminuita dell’80% in 65 anni

MeteoWeb

“Secondo le Nazioni Unite entro il 2032 sarà rimasto solo il 10% dell’habitat dei gorilla e nei prossimi 10 anni i ‘re della foresta’ potrebbero scomparire”

”Negli ultimi 65 anni la popolazione di gorilla si e’ ridotta dell’80%, decimata da ebola, dal commercio alimentare e dalla distruzione delle foreste”. Il Wwf dopo la Campagna Foreste accende i riflettori su una specie simbolo, il gorilla, con un focus che partira’ nei prossimi giorni (‘wwf.it/gorilla’). ”Alcune popolazioni sono del tutto sparite – fa presente l’associazione – la sottospecie del gorilla occidentale denominato il gorilla ‘Cross River’, che vive in una piccola area di foreste tropicali di altitudine collocate tra i 1.500 ed i 3.500 metri di altitudine”, in una zona ”tra Nigeria e Camerun, conta appena 250-300 individui”. Inoltre ”secondo le Nazioni Unite entro il 2032 sara’ rimasto solo il 10% dell’habitat dei gorilla e nei prossimi 10 anni i ‘re della foresta’ potrebbero scomparire” dai luoghi che abitano. Il Wwf poi ringrazia tutti coloro che hanno contribuito alla ‘Campagna Foreste’ per la difesa del ‘Cuore verde’ del nostro Pianeta. La giornata delle Oasi, il 24 maggio, infatti e’ stata dedicata al progetto per salvare il Parco di Dzanga Sangha nel Bacino del Congo, l’area piu’ ricca di biodiversita’ dell’Africa e tra le prime 10 nel mondo esposte al rischio deforestazione. ”Dobbiamo ringraziare tutti quelli che ci hanno sostenuto e aiutato”, ha osservato la presidente del Wwf Italia, Donatella Bianchi. Infine il 4 giugno, vigilia della Giornata mondiale dell’Ambiente, a Milano nella sede dell’Unicredit ci sara’ la Peccei Lecture, storico appuntamento che quest’anno sara’ dedicata allo stato e al futuro delle foreste tropicali.