Alla scoperta della grotta di Krubera, l’abisso più profondo del mondo [FOTO]

/
MeteoWeb

Con i suoi -2197 metri la grotta di Krubera è  l’abisso più profondo del mondo

Nei pressi di Abkhazia, Georgia, una delle tre Repubbliche Caucasiche, si trova l’ incredibile grotta di Krubera, in russo Voronya Cave (Grotta del Corvo); attualmente l’abisso più profondo del mondo con i suoi – 2197 metri. Questa profondità è stata confermata al raduno degli speleologi Imagna 2005 dal moscovita Denis Provalov.

KRUBERA 1La grotta deve il suo nome ad Alexander Kruber, noto carsologo russo, al quale fu dedicata dagli speleologi georgiani che la scoprirono nel 1960, raggiungendo appena i -60 metri, fermandosi a causa di una strettoia. Le esplorazioni ripresero dopo quasi 20 anni ma solo nel 2001 vennero superati i 2 km di profondità. La grotta si presenta maestosa, imponente, tetra e spigolosa, si trova all’interno di un complesso di centinaia di grotte nel massiccio Arabika, è l’unica grotta conosciuta a superare i 2 mila metri di profondità, superando di 80 metri il precedente primato che apparteneva alla Lamprechtsofen, nelle Alpi austriache.

KRUBERA 2La zona è un luogo molto frequentato, in un paese, come la Georgia, che non ha ancora subito le contaminazioni del turismo planetario. Per giungere alla profondità di 2197 metri è necessario superare tre sifoni allagati ed i ricercatori, non potendo passare con tutta la loro attrezzatura, devono togliere le bombole di ossigeno e fare varie contorsioni. Nel 2005, gli italiani Giacomo Rosetti e Matteo Rivadossi hanno impiegato circa 3 giorni di progressione, tra andata e ritorno, facendo solo brevi soste, dichiarando che la grotta è meravigliosa e molto impegnativa, con cascate ed un torrente.

KRUBERA 3Sulle pareti della grotta, poi, scorre acqua che aumenta le difficoltà della discesa, dando vita ad un fiume sotterreneo percorribile solo mischiando tecniche di speleologia e subacquea. Nelle profondità della grotta, una spedizione russo-iberica ha scoperto la presenza del Plutomurus Ortobalaganensis, un insetto senza occhi e privo di ali che vive negli abissi più profondi della terra.