ANBI e Green Week: “Serve una legge contro il consumo del suolo”

MeteoWeb

“Il futuro sarà la pianificazione territoriale partecipata. Servono però scelte politiche adeguate come la legge contro il consumo del suolo”

“Il nostro contributo fattivo e progettuale alla Green Week 2015 si chiama contratti di fiume, di foce, di falda, di laguna, perfino di fosso, cioè l’impegno per una pianificazione concertata del territorio con tutti i soggetti interessati e di cui i Consorzi di bonifica sono già protagonisti grazie al principio fondante dell’autogoverno.”
A dichiararlo è Massimo Gargano, Direttore Generale dell’Associazione Nazionale Consorzi Gestione Tutela Territorio e Acque Irrigue (ANBI), in relazione alle tematiche sollevate dal seminario sulla Riqualificazione Fluviale, organizzato dal C.I.R.F. (Centro Italiano Riqualificazione Fluviale).
“I processi di codecisione territoriale –prosegue Gargano – mettono, al centro del processo pianificatorio, elementi quali agricoltura, paesaggio, tutela ambientale, interpretati come moltiplicatori di sviluppo ed occupazione. Un simile obiettivo, da noi condiviso e sostenuto, abbisogna però di strumenti a sostegno delle decisioni da assumere e, in questo, un importante ausilio deriva dall’annuale Piano Nazionale per la Riduzione del Rischio Idrogeologico, redatto dall’ANBI. A cornice di tutto, però, deve esserci la tanto attesa legge contro il consumo del suolo, la cui approvazione – conclude il Presidente ANBI – è ormai improcrastinabile, pena il costante aggravarsi del rischio idrogeologico e l’impoverimento del patrimonio primo, di cui dispone l’Italia: il territorio, bene inclonabile. I Consorzi di bonifica, pur riconoscendo l’impegno del Governo, sono a ribadirlo.”