Frana di Lercara Friddi (PA): “Un’altra opera incompiuta, scarsa attenzione alla mitigazione dei rischi geologici”

MeteoWeb

L’Ordine regionale dei geologi di Sicilia punta il dito sulla scarsa attenzione alla realizzazione di adeguate opere di mitigazione dei rischi geologici

Non si arresta la campagna di sensibilizzazione a cittadini e istituzioni dell?’Ordine regionale dei geologi di Sicilia. Una delegazione del consiglio regionale dell’?Ordine si è recata lo scorso 12 giugno a Lercara Friddi (PA) per un confronto tra geologi liberi professionisti, rappresentanti dell’Università ed amministratori locali, sui recenti dissesti che hanno colpito la Valle del Torto e dei Feudi.

Oggi vogliamo ricordare un?’altra incompiuta e cioè la frana ubicata in prossimità della periferia SO del centro urbano di Vicari (PA), che si sviluppa per circa 1500m, interessando aziende agricole, un capannone industriale e la SP 84, il cui manto stradale ha subito sprofondamenti dell?’ordine di 5-6 m, compromettendone la viabilità e l?’accesso al paese da nord ? ovest. Infatti, attualmente, l’?ingresso a Vicari è consentito esclusivamente dalla SP 84 in corrispondenza del Bivio Manganaro, poiché risulta compromessa anche la SP 124”. Giuseppe Collura, presidente dei geologi di Sicilia, introduce così la campagna di sensibilizzazione sulla mitigazione dei rischi geologici in Sicilia che l?’Ordine regionale dei geologi sta portando avanti.
Una delegazione del consiglio regionale dell’?Ordine, composta dai consiglieri Flavia Scianna, Calogero Cannella, Francesco Dionisi, Mario Leta, e Giovanni Pantaleo, insieme al presidente regionale Giuseppe Collura e a Michele Orifici, consigliere del CNG ?consiglio nazionale dei geologi-, si è recata lo scorso 12 giugno c.a. a Lercara Friddi (PA), presso la sala conferenze della biblioteca comunale “G. Mavaro”, messa a disposizione dal sindaco dott. Giuseppe Ferrara, per un confronto tra geologi liberi professionisti, rappresentanti dell’Università ed amministratori locali, sui recenti dissesti che hanno colpito la Valle del Torto e dei Feudi. ?Dopo gli appuntamenti di Caltavuturo e Corleone -ha commentato Giuseppe Collura-, l’Ordine regionale dei geologi di Sicilia, a distanza di due mesi dall’evento che ha sconvolto una delle più grandi arterie stradali dell’Isola, l’?autostrada Pa-CT viadotto Himera, ribadisce la sua vicinanza alle amministrazioni locali e alle comunità che hanno subito danni economici rilevanti, puntando il dito sulla scarsa attenzione alla realizzazione di adeguate opere di mitigazione dei rischi geologici”.