Mers: la Corea del Sud teme un focolaio nel nuovo ospedale di Seul

MeteoWeb

“Stiamo concentrando i nostri sforzi nel tentativo di individuare le persone contattate e porle in isolamento”

Le autorità della Corea del Sud stanno monitorando attentamente un ospedale nella parte orientale di Seul con il timore di un nuovo focolaio della sindrome respiratoria del Medio oriente (Mers) che potrebbe interessare centinaia di pazienti. Una donna di 70 anni, deceduta giovedì scorso, contagiata dal virus durante la visita a un parente infetto, potrebbe avere diffuso il coronavirus in un ospedale non ancora interessato dall’epidemia.
“Stiamo concentrando i nostri sforzi nel tentativo di individuare le persone contattate e porle in isolamento”, ha affermato un funzionario del ministero della Sanità.
Al momento 31 persone sono morte in Corea del Sud per la Mers, altre 61 sono in trattamento e 13 fra loro si trovano in gravi condizioni. Oltre 2.640 cittadini sono stati posti in isolamento.