Caldo a Bologna: domenica con 38°C, 3000 soggetti “fragili”

MeteoWeb

Già scattato il piano di prevenzione della Ausl

E’ domenica, con una previsione di 38 gradi, la giornata piu’ critica nell’allerta per l’ondata di calore iniziata gia’ oggi nel capoluogo emiliano, citta’ tra quelle con bollino rosso del week end. Gia’ scattato il piano di prevenzione della Ausl (che riguarda anche i comuni limitrofi di Casalecchio di Reno, Castel Maggiore e San Lazzaro di Savena) con allerta di pronto soccorso ed ospedali, case di cura e strutture di assistenza per anziani, medici e pediatri di famiglia, oltre che gli infermieri dell’assistenza domiciliare dell’area metropolitana. Definito in 3000 il numero dei cosiddetti soggetti ‘fragili’, in particolare anziani che vivono soli o con problemi per i quali – qualora si prolungassero i disagi causati dall’ondata di calore – scatterebbero altre forme di sostegno a domicilio, telefonate di supporto e il coinvolgimento in attivita’ di socializzazione. Attivo per le emergenze il numero verde gratuito 800 562 110. Un primo bilancio della situazione verra’ fatto lunedi’. “Lavoriamo su tre livelli di informazione, gli accessi al pronto soccorso, le chiamate al 118 e la mortalita’- spiega Paolo Pandolfi, responsabile dell’Ausl di Bologna addetto a gestire l’emergenza -Da oggi servono circa 48 ore di tempo per avere un primo risultato: lunedi’ pomeriggio avremo i dati della sorveglianza sanitaria di questa tre tipologie di analisi”. “Il caldo ‘vero’ e’ domani, dopodomani e lunedi’ – spiega ancora Pandolfi – l’effetto non e’ immediato, ci voglio almeno 24/48 ore. Il caldo poi agisce in funzione della persistenza: l’allerta termina lunedi’- conclude Pandolfi- ma sappiamo che i problemi incrementano e probabilmente proseguiranno anche martedi’ e mercoledi'”.