Caldo: al Nord l’ozono supera la soglia d’allarme

MeteoWeb

La concentrazione aumenta nei periodi di massima intensità della radiazione solare e di caldo

Tra gli effetti nocivi dell’ondata di caldo africano in atto c’è l’aumento dell’ozono, uno dei componenti gassosi dell’atmosfera, ma anche un inquinante pericoloso che potrebbe creare problemi alla salute soprattutto nel periodo estivo: la sua concentrazione aumenta infatti nei periodi di massima intensità della radiazione solare e di caldo. Secondo i dati delle Arpa regionali di Lombardia ed Emilia Romagna, giovedì 2 luglio è stata superata, in diverse zone del Nord, la soglia di allarme, fissata in 240 µg/m3. A Moggio (Lc) 273 µg/m3, Cantù (Va) sono stati registrati 263 µg/m3, a Erba (Co) 262 µg/m3, a Bergamo 259 µg/m3, Lecco 252 µg/m3. Valori al di sopra della soglia di attenzione, fissata in 180 µg/m3, anche sull’Emilia occidentale, in particolare tra le provincie di Piacenza e Parma, con picchi di 203 µg/m3.