Caldo: anche Viareggio vieta l’uso improprio dell’acqua potabile

MeteoWeb

“L’acqua potabile è un bene prezioso: l’eccessivo consumo diverso dall’uso strettamente domestico potrebbe non garantire la fornitura per gli usi civili”

Come gia’ Pistoia ieri, anche il Comune di Viareggio (Lucca) ha deciso di vietare utilizzi impropri dell’acqua potabile, considerate le alte temperature e la scarsita’ delle piogge. Con un’ordinanza firmata dal sindaco viareggino Giorgio del Ghingaro, in vigore fino al 30 settembre, si vieta di attingere all’acquedotto per utilizzi che non siano bere, lavarsi, cucinare e pulire la casa, oltre alle ordinarie attivita’ produttive. Si rileva inoltre che si tratta di un “provvedimento non nuovo del periodo estivo che e’ stato adottato in questi giorni anche da molti altri Comuni in tutta Italia”. “L’acqua potabile e’ un bene prezioso – commenta il primo cittadino -, soprattutto in un estate calda come quella che stiamo attraversando: l’eccessivo consumo diverso dall’uso strettamente domestico potrebbe non garantire la fornitura per gli usi civili”.