Caldo in Veneto, Pan: presto sarà emergenza siccità

MeteoWeb

“Di fronte all’estremizzazione degli eventi climatici e alla grande frequenza di siccità e alluvioni, dobbiamo investire in una rete di agricoltori efficienti”

Il grande caldo sta inaridendo i raccolti di mais, riso e le colture orticole del Veneto. Ed e’ gia’ allarme per il sistema irriguo. “Per fortuna i bacini montani nella nostra regione garantiscono ancora il 70-80 per cento della loro portata – assicura l’assessore all’agricoltura Giuseppe Pan – ma se la grande calura dovesse continuare nei prossimi giorni per l’agricoltura e la zootecnia veneta sara’ emergenza”. Reduce dagli “Stati generali sul sistema irriguo”, promosso all’Expo di Milano dall’Associazione nazionale dei consorzi di bonifica, dove Consorzi e Regioni si sono confrontati con i massimi rappresentanti del governo in materia ambientale agricola, l’assessore Pan chiede al governo nazionale di riprendere un mano il piano irriguo nazionale e l’attuazione della “Direttiva acque” per ridisegnare l’agenda di lavoro delle politiche agricole regionali. “Di fronte all’estremizzazione degli eventi climatici e alla grande frequenza di siccità e alluvioni, dobbiamo investire in una rete di agricoltori efficienti. Il mestiere del contadino non puo’ piu’ essere solo quello di produrre cibo, ma deve essere anche quello di custodire l’ambiente e di investire nel risparmio idrico. Il Veneto, da questo punto di vista, sta gia’ investendo in programmi di ammodernamento, efficientamento e sostenibilita’ del sistema irriguo”. Pan fa riferimento ai 10.300 ettari di colture irrigate a pioggia, anziche’ con il tradizionale sistema irriguo di scoli e canalette, in modo da poter risparmiare sino al 50 per cento della risorsa idrica. E indica nei fondi del nuovo Programma di sviluppo rurale 2014-2020, che la Regione ha approvato tra le prime in Italia, una sicura opportunita’ per migliorare i sistemi di gestione dell’acqua in agricoltura. Cio’ in attesa comunque del recepimento Direttiva acque.