Chi è Paolo Nespoli: il prossimo astronauta italiano ad andare nello spazio

MeteoWeb

Fino a poche settimane fa, Paolo Nespoli deteneva il record di astronauta italiano col maggior numero di giorni trascorsi nello spazio (174), ma il primato gli è stato strappato da Samantha Cristoforetti

Paolo Nespoli sarà il prossimo astronauta italiano ad andare nello spazio, nel 2017. Ha 58 anni. E’ nato a Milano il 6 aprile 1957 ma è cresciuto a Verano Brianza (Milano). A soli 20 anni Nespoli entra nell’esercito italiano, diventa sottufficiale e lavora come istruttore di paracadutismo presso la scuola militare di Pisa. Dal 1982 al 1984 viene inviato a Beirut, in Libano, con il contingente italiano della Forza multinazionale di pace. Un’esperienza – come ha dichiarato – che ricorderà sempre. Nel 1985 riprende gli studi universitari e nel 1987 lascia l’esercito. Ottiene un ‘Bachelor of Science in Aerospace Engineering’, nel 1988, dalla Polytechnic University of New York (Usa) e, nel 1989, riceve, sempre dalla stessa università, un ‘Master of Science in Aeronautics and Astronautics’. L’Università di Firenze gli riconosce, nel 1990, una laurea in Ingegneria Meccanica. Nel 1991, a 34 anni, entra a far parte del corpo astronautico europeo dell’Esa (Agenzia spaziale europea), a Colonia. A 41 anni viene selezionato come astronauta dall’Agenzia spaziale italiana. Nell’agosto 1998 viene trasferito presso il Johnson Space Center della Nasa. Sono due le missioni spaziali di cui finora Nespoli è stato protagonista: dal 23 ottobre al 7 novembre 2007, è rimasto a bordo dello space shuttle Discovery per il volo STS-120 verso la Stazione spaziale internazionale nella missione ‘Experia‘. Durante questa missione è stato consegnato ed installato il ‘Nodo 2’ detto ‘Harmony’, un importante elemento strutturale essenziale per l’ulteriore ampliamento della Iss, che include anche l’aggiunta del laboratorio europeo ‘Columbus’. Nel novembre 2008, Paolo Nespoli è stato assegnato al suo secondo volo nello spazio.

paolo nespoliLa Spedizione 26/27, una missione sulla Stazione Spaziale Internazionale, è stata lanciata il 15 dicembre 2010. In qualità di ingegnere di volo, i suoi compiti durante la missione ‘Magisstra‘ comprendevano la conduzione di esperimenti scientifici e dimostrazioni tecnologiche. Dopo aver passato 159 giorni nello spazio, è rientrato a Terra il 24 maggio 2011 a bordo della ‘Sojuz’ insieme al russo Dmitri Kondratyev e alla statunitense Catherine Coleman, atterrando nelle steppe del Kazakistan e concludendo con successo la missione. Con questa seconda missione è diventato il primo italiano a compiere una missione di lunga durata nello spazio. Fino a poche settimane fa, Nespoli deteneva il record di astronauta italiano col maggior numero di giorni trascorsi nello spazio (174), ma il primato gli è stato strappato da Samantha Cristoforetti che, grazie al rinvio del suo rientro, ha potuto raggiungere quota 200 giorni. In totale Paolo Nespoli è rimasto nello spazio per 174 giorni 9 ore e 40 minuti. Nespoli è stato il primo astronauta italiano a tenersi in contatto con la Terra anche grazie ai social network in cui spesso ha postato foto dello spazio. Il 21 gennaio 2011, in occasione del novantesimo compleanno dello scrittore italiano Eugenio Corti, ha inviato dallo spazio una sua foto che lo ritraeva all’interno della Stazione spaziale internazionale con in mano un biglietto di auguri di buon compleanno per lo scrittore. Nespoli è sposato e ha una figlia di sei anni e un bambino di 18 mesi. Pratica diversi hobby, tra cui immersioni subacquee, pilotaggio di aerei, fotografia, costruzione di apparecchiature elettroniche e programmazione di software per computer. Ha scritto un libro, edito da Mondadori, dal titolo ‘Dall’alto i problemi sembrano più piccoli’, in cui racconta la sua esperienza nello spazio e le lezioni di vita che ne ha ricavato. Gli è stato dedicato un asteroide ed è stato protagonista con Topolino nella storia ‘Topolino, Paolo Nexp e l’orbita del domani’.