Disturbi intestinali: come prevenirne l’insorgenza durante la stagione estiva

MeteoWeb

Ecco a cosa sono dovuti e come contrastarli: tutto per evitare i disturbi intestinali

Anche se non si sceglie una meta esotica, spesso, soprattutto durante l’estate, si va incontro a spiacevoli disturbi intestinali, con diarrea, stitichezza, gonfiore addominale che rischiano di rovinare le tanto sognate ferie. I casi aumentano in estate per via degli sbalzi termici tra caldo esterno e freddo degli ambienti con aria condizionata che alterano la flora batterica intestinale, favorendo la crescita di batteri cattivi e rendendoci più vulnerabili a qualsiasi attacco batterico e virale.

Beautiful bellyUn altro motivo per cui diarrea, stitichezza e meteorismo si manifestano soprattutto in estate è lo stress che, dopo mesi e mesi di duro lavoro, si fa sentire, ripercuotendosi sull’intestino. A ciò si aggiungono la modifica delle abitudini alimentari e comportamentali in vacanza, l’afa e l’umidità che provocano uno stato di disidratazione responsabile, a sua volta, di una condizione di malessere generale. Come prevenire i disturbi intestinali? Le donne dovrebbero coprirsi più spesso la pancia. Occorre bere 2 litri di acqua naturale al giorno, non gassata e non fredda, per favorire il buon funzionamento dell’intestino, sorseggiandola, in modo che venga catturata dalle cellule e assorbita gradualmente dal corpo.

DISTURBI INTESTINALI COPDoveroso prestare attenzione all’igiene nella manipolazione e preparazione dei cibi, tenendo sotto osservazione i sintomi che potrebbero essere indice di altre malattie tra cui calcoli alle colecisti, intolleranze alimentari, celiachia o reflusso gastrico. E’ necessario rivolgersi al medico se i sintomi durano più di 4-5 giorni. Oltre al bere molta acqua, è consigliabile assumere alimenti probiotici, come lactobacilli e bifidobatteri, che si trovano, per esempio, in alcuni yogurt e formaggi freschi ma sono venduti anche nelle farmacie, come prodotti da banco che non necessita no di ricetta medica, sotto forma di fialette o bustine monodose ad alta concentrazione.

DISTURBI INTESTINALI 1Vanno evitati i cibi crudi, es. frutti di mare, carne cruda, verdure non ben lavate, latte o latticini non adeguatamente conservati, e cibi cotti come dolciumi contenenti crema o panna non correttamente conservati in frigo. Sconsigliate le bevande ghiacciate e le fritture, le salse, i cibi spazzatura e gli alcolici, prestando attenzione alle bottiglie non sigillate. Da evitare le uscite nelle ore più calde della giornata, le diete dimagranti drastiche, optando, piuttosto, per pasti leggeri, frutta fresca, frullati e succhi, insalate e verdure grigliate. Consigliati, invece, i cereali (grano, cornflakes, muesli e avena), pane e pasta con farina integrale, olio d’oliva crudo per lubrificare l’intestino, tisane e passati di verdure.