Ebola: i nuovi casi in Liberia forse causati da un cane infetto

MeteoWeb

Fino a questo momento ci sono prove di trasmissione del virus attraverso la carne di diversi animali, soprattutto scimmie, ma sarebbe la prima volta per un cane

Potrebbe essere un animale, forse un cane, ad aver riportato il virus Ebola in Liberia mesi dopo la dichiarazione di ‘virus free’ da parte dell’Oms. Lo affermano alcuni ricercatori locali, citati dal sito Allafrica.com e da altre agenzie, secondo cui i tre pazienti dell’unico villaggio colpito avevano condiviso la carne di una carcassa disseppellita. Le tre vittime, tutte del villaggio di Nedowein, a circa 50 chilometri dalla capitale Monrovia, non avevano viaggiato nei paesi dove l’epidemia e’ ancora in corso. Fino a questo momento ci sono prove di trasmissione del virus attraverso la carne di diversi animali, soprattutto scimmie, ma sarebbe la prima volta per un cane. Tra le altre ipotesi ci sono la trasmissione dovuta a qualche caso non riconosciuto e scambiato per malaria o da parte di un guarito dal virus. Potrebbe essere invece un’antilope ad aver causato un focolaio sempre di Ebola nella Repubblica democratica del Congo, nel villaggiodi Masambio a 270 chilometri dalla capitale Kinshasa. “Quattro delle sei persone che hanno partecipato alla caccia sono morte – riferisce un comunicato dell’Oms – con sintomi riconducibili al virus Ebola”.