Ecco come proteggere i nostri animali domestici dagli spiacevoli incovenienti estivi

MeteoWeb

Gli animali, soprattutto in estate, necessitano di poche semplici precauzioni per evitare le spiacevoli conseguente legate alle alte temperature: occhio alle ore più calde della giornata, ai sintomi da colpo di calore e alla presenza di pulci, zecche e forasacchi sul corpo

Con l’arrivo dell’estate è doveroso adottare poche semplici precauzioni per proteggere i vostri amici a 4 zampe a spiacevoli conseguenze che possono manifestarsi per via delle alte temperature. Ecco alcuni consigli per far sì che anche loro possano godersi la bella stagione in totale sicurezza: evitate di portarli a passeggio nelle ore più calde della giornata (dalle 11 alle 17), monitorate costantemente il loro stato di salute, specie se si tratta di animali anziani, stando attenti ai colpi di sole o calore.

ANIMALIIn questi ultimi due casi, portate l’animale in un posto fresco e ventilato, tamponando ascelle, collo e cuscinetti plantari con acqua di rubinetto, senza mai forzarlo a bere. Tenetelo sotto osservazione per 24/48 ore, consultando il vostro veterinario di fiducia se i sintomi non migliorano. Non lasciate mai residui di cibo nella ciotola poiché i batteri col caldo si sviluppano velocemente con un alto rischio di infezioni.

ANIMALE COPNon lasciate i cani, i gatti ed altri animali domestici mai in macchina poiché l’abitacolo si riscalda rapidamente e l’animale va in iperventilazione; non teneteli mai legati in luoghi esposti a luce solare diretta.Se li lasciate liberi in giardino, fate in modo che per loro ci sia sempre un luogo ombreggiato, magari una tettoia o una zona d’ombra sull’erba per rilassarsi, tenendo sempre riempite una ciotola per l’acqua e una bacinella per rinfrescarsi. Dopo la consueta passeggiata, ispezionate con cura il mantello, le orecchie e le zampe del vostro amico a 4 zampe, per tenere a debita distanza forasacchi, pulci e zecche.

ANIMALI 1Prestate attenzione ad eventuali strani comportamenti dell’animale, es. scuotimenti della testa, starnuti, lambimento continuo di parti del corpo, trattandoli regolarmente con antiparassitari. Durante i viaggi, guidate il più dolcemente possibile, facendo soste regolari per consentire all’animale di sgranchirsi i muscoli e fare i suoi bisognini. Per i viaggi in treno o in aereo fuori Italia, informatevi sulle profilassi sanitarie e sui documenti necessari.