Fiato sospeso per il grande annuncio della NASA: in arrivo una notizia attesa da decenni

MeteoWeb

Alla conferenza stampa, che sarà trasmessa in audio, prenderà parte, anticipa la Nasa, John Grunsfeld

Annuncio della Nasa che, sul suo sito, ha chiamato a raccolta i media di tutto il mondo per una conferenza stampa che si terrà a breve (alle 18 ora italiana), anticipando un nuova scoperta del telescopio spaziale Keplero. E l’annuncio potrebbe riguardare la scoperta di un pianeta simile alla Terra. In un post sul suo sito, la Nasa infatti scrive: “Il primo pianeta extrasolare in orbita intorno ad un’altra stella come il nostro Sole è stato scoperto nel 1995. Pianeti extrasolari, soprattutto piccoli mondi della stessa dimensione della Terra, appena 21 anni fa appartenevano al regno della fantascienza. Oggi, migliaia di scoperte più tardi, gli astronomi sono sul punto di trovare qualcosa che tutte le persone hanno sognato per migliaia di anni: un’altra Terra”. Insomma, fiato sospeso da ore in tutte le comunità scientifiche visto che Keplero, lanciato nel 2009, è stato non a caso soprannominato il ‘cacciatore di pianeti’ ed è stato mandato nello spazio proprio per cercare pianeti simili alla Terra.

spazio sistema solareAlla conferenza stampa, che sarà trasmessa in audio, prenderanno parte, anticipa ancora la Nasa, John Grunsfeld, amministratore associato del Science Mission Directorate della Nasa a Washington; Jon Jenkins, del centro analisi dei dati del telescopio spaziale Keplero ‘Ames Research Center’ della Nasa a Moffett Field, in California; Jeff Coughlin, ricercatore per Keplero presso il Seti Institute di Mountain View, in California; Didier Queloz, professore di astrofisica all’Università di Cambridge, in Inghilterra. Proprio l’anno scorso la Nasa aveva annunciato la scoperta di un pianeta delle dimensioni della Terra in orbita intorno a una stella che si trova nella cosidetta ‘zona abitabile’. Ma una ricercatrice del Seti Institute aveva precisato che gli scienziati sono “a conoscenza di un solo pianeta in cui c’è la vita ed è la Terra”. La scienziata aveva così raffreddato gli animi, visto che da anni, ormai, quando si parla di cercare un pianeta simile alla Terra si pensa ad un ‘sosia’ del nostro pianeta, ad un corpo celeste che possa avere acqua oppure vegetazione: insomma vita. Lanciato nel marzo 2009, Keplero è la prima missione Nasa inviata nello spazio per rilevare pianeti simili alla Terra in orbita attorno a stelle lontane nella cosidetta ‘zona abitabile’, cioè in quella fascia di distanze da una stella in cui la temperatura della superficie di un pianeta orbitante potrebbe sostenere acqua liquida. Il telescopio spaziale della Nasa dal 2009 ad oggi ha confermato la presenza di più di 1.000 pianeti e più di 3.000 candidati pianeti che abbracciano una vasta gamma di dimensioni e distanze orbitali, compresi quelli nella zona abitabile.