Growing Underground: la spettacolare fattoria londinese sotterranea [FOTO]

/
MeteoWeb

Coltivazioni a km zero e smog free destinati a ristoratori e grossisti

A 33 metri sotto la superficie di Londra, vicino alla stazione Clapham North, lungo la Northern line, non c’è solo la rete delle celebri metropolitane ma vi è un’incredibile fattoria urbana, frutto di un progetto degno dei più fantascientifici scenari futuristici che permetterà di recuperare una maglia di tunnel sotterranei di ben 10.000 mq, utilizzate durante la Seconda Guerra Mondiale, destinandoli alla coltivazione diretta di ortaggi.

GROWING 2Il progetto, chiamato Growing Underground, è il frutto della mente di due giovani imprenditori: Richard Ballard e Steven Dring, ha realizzato una spettacolare fattoria sotterranea per coltivare germogli si piselli, rucola, senape, insalata, ravanelli, pak choi, grazie ad una speciale illuminazione a LED per consentire la crescita delle piantine anche in mancanza di luce solare diretta, con una temperatura costante intorno ai 16°C, garantendo un’ottima resa in tutte le stagioni.

GROWING COPIl progetto, che utilizza la coltivazione idroponica, senza quindi l’impiego di terra, punta ad abbattere le emissioni di C02 dei prodotti che si consumano nel Regno Unito. Sono stati necessari 18 mesi di studi e svariati interventi di perfezionamento per giungere all’allestimento della serra sotterranea, svincolata dall’impiego di pesticidi, concepita in modo da richiedere il minor dispendio energetico possibile.

GROWING 1A sostegno del progetto si è prodigato anche il cuoco principe della versione britannica di Masterchef, Michel Roux Jr., che ha detto : “Quando ho incontrato questi ragazzi ho pensato che fossero assolutamente folli ma quando ho visitato i tunnel e ho provato i prodotti che già stano crescendo sono rimasto senza parole. Il mercato per queste verdure è enorme”. I prodotti saranno destinati a ristoranti e grossisti, con abbattimento dei costi di importazione. Saranno ovviamente smog free…. niente inquinamento ambientale, niente sbalzi termici, niente agenti atmosferici in agguato che rovinano le produzioni.