Letteratura e Tecnologia: Il Coraggio dell’indicibile 2.0

MeteoWeb

“Non aver paura di dire… Il coraggio dell’indicibile 2.0? a cura di S. Giovannini e R. Guerra (La Carmelina, Ferrara-Roma, ebook luglio 2015)

Tempi liquidi e assai caotici.. . il contemporaneo attuale, psicosociale. Nonostante la nascente era informatica e la tecnoscienza in progress insospettabili: tarda il rinascimento prossimo venturo, previsto dagli stessi Roberto Vacca e Silvio Ceccato dopo la scienza moderna e postmoderna, ad arrivare. Eppur si muove, anche in Letteratura, la Parola dopo il Web, come dimostra questo ebook florilegio con circa 50 voci libere, già in versione libro d’arte tavoletta lo scorso dicembre per le edizioni Heliopolis, a cura dello stesso Giovannini, filosofo controculturale. E nomi anche molto noti, tra i bordi di certo neoumanismo radicale e futurismo elettronico, tra Tradizione 2.0 e avanguardia ciberculturale. (Ad esempio gli stessi M. Veneziani, M. Donà, R. Gasparotti, L. Gallesi, G. Sessa e molti altri). Più nello specifico, l’ebook si segnala per contributi squisitamente poetico-tecnologici, con la e (da Techne, arte), la Parola programmaticamente 2.0, verso e dal nuovo immaginario tecnoscientifico, scritto up-loadato da quasi multiversici sguardi e pensieri diversi. Per una Parola specchio neuroestetica persino del nostro tempo, aperta ma piena, fondamentale per mappare, anche dal bordo letterario, appunto il rinascimento informatico necessario non soltanto per ottimizzare ll grande futuro comunque venuto alla luce: futurologia anche atopico/utopica per innestare memi alternativi e inediti, per superare certa crisi anche culturale italiana, ancora ovattata nell’ideologismo novecentesco, oggi persino arroccata in facile ecoculturalismo minimale e disperato (e vano a medio lungo termine, vista la complessità contemporanea globale). Parole appunto indicibili o quasi nei dibattiti spesso sterili italiani culturali, dopo lo stessa recente autoibernazione quasi del cosiddetto New Realism dei vari Ferraris, Eco, lo stesso Vattimo. Qua invece spiccano la parola digitale “hard” di certa giovane Kultur 2.0 new wave: i vari Gianluca Montinaro, Luca Siniscalco, Giovanni Balducci, Alberto Scarabelli, Lorenzo Barbieri, Filippo Venturini, Vito Limone, Cristiano Rocchio. gli stessi futuribili Antonio Saccoccio, Riccardo Campa, Stefano Vaj, Vitaldo Conte, Roberto Guerra, il metateista Davide Foschi. Con le stesse gemme di un Gianfranco de Turris, noto cultore della fantascienza e in particolare di Roberto Pazzi, *photo,  il più importante scrittore “Fantastico” italiano, un vero inno al Pianeta Marte, ai suoi straordinari Tramonti viventi come sulla Vecchia Terra, dopo le recenti fotografie sorprendenti del Robot Curiosity. Per future società della conoscenza, auspicabili e desiderabili/desideranti, tra Cibern-Etica e Estetica della conoscenza scientifica veraumanista. Laddove come negarlo, certa parola letteraria, da Mary Shelley a Valery a Marinetti a Huxley, Orwell. Asimov, P. K. Dick, R. Sawyer, S. Kubrick e A. Tarkowskij stessi, a volte “celesti” è più lungimirante e diversamente previsionale di certa scienza sociale.

*AUTORI – Angela Ales Bello, Luigi Alfieri, Alberto Cesare Ambesi, Giovanni Balducci, Lorenzo Barbieri,Umberto Bianchi, Mauro Biuzzi, Mariano Bizzarri, Ettore Bonessio di Terzet, Claudio Bonvecchio, Giuliano Borghi, Pierfranco Bruni, Riccardo Campa, Agostino Carrino, Pierluigi Casalino, Vitaldo Conte, Raimondo Cubeddu, Gianluca D’Aquino, Giovanni Damiano, Vittorio de Pedys, Gianfranco de Turris, Massimo Donà, Adriano Fabris, Davide Foschi, Francesco Franci, Luca Gallesi, Romano Gasparotti, Giuseppe Gorlani, Luca Grecchi, Roberto Guerra, Michelangelo Ingrassia, Vito Limone, Luigi Lombardi Vallauri, Francesco Mancinelli, Gian Ruggero Manzoni, Gianluca Montinaro, Giancarla Parisi, Roberto Pazzi, Raffaele Perrotta, Miro Renzaglia, Cristiano Rocchio, Riccardo Roversi, Antonio Saccoccio, Andrea Scarabelli, Giovanni Sessa, Luca Siniscalco, Francescomaria Tedesco, Stefano Vaj, Marco Vannini, Marcello Veneziani, Filippo Venturini, Piero Visani, Eduardo Zarelli. “…Qui i testi sono realmente esemplari nella concisione e paradigmatici nel coraggio di dire… Allora non cosa inutile, non parola al vento, ma una sfida sempre, contro la mancanza delle identità, distinte e dialettiche, del coraggio applicato a ciò che si crede essenziale,nella speranza mai arresa, che metta i rispondenti e per primi noi, costantemente alla prova… ” Sandro Giovannini
http://www.omniabuk.com/scheda-ebook/a-cura-di-s-giovannini-r-guerra/aavv-non-aver-paura-di-dire-9788899365028-307032.html

R. Guerra