Messico, timori per l’eruzione del vulcano Colima: evacuate centinaia di persone

MeteoWeb

Le autorità hanno completamente chiuso ed evacuato una zona di 12 chilometri attorno al Colima e l’aeroporto locale è stato chiuso

Centinaia di persone sono state evacuate dai villaggi situati sulle pendici del vulcano Colima, nel Messico occidentale. Gli esperti temono un’imponente eruzione del vulcano, tornato in fase di intensa attività con segnali analoghi, secondo il ministero dell’Interno messicano, a quelli precedenti la violentissima eruzione del 1913. Da giorni si verificano esplosioni che sprigionano colonne di fumo e cenere che raggiungono un’altezza anche di 2,8 chilometri. Le autorità hanno completamente chiuso ed evacuato una zona di 12 chilometri attorno al Colima e l’aeroporto locale è stato chiuso. Tutti gli abitanti dei villaggi vicini, che contano una popolazione di circa 800 persone in totale, sono stati evacuati. Il villaggio di Yerbabuena, ai piedi del vulcano, è ricoperto da 5 centimetri di cenere. Il Volcan de Colima – anche noto come Volcan de fuego de Colima – ha eruttato più di 40 volte dal 1576 ad oggi. L’episodio più violento è stato quello del 1913, i più recenti quelli del 1999 e del 2005.