Missione Rosetta: la “sua” cometa è come una pietra pomice

MeteoWeb

La rivista Science gli dedica un intero speciale pubblicando ben 7 articoli scientifici con le ultime novità riguardanti la struttura e la composizione della cometa

La cometa di Rosetta e’ come una ‘pomice’ avvolta in un ‘guscio d’uovo’: e’ il ritratto che emerge della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko grazie agli esperimenti fatti da Philae, il lander nuovamente silenzioso da diverse settimane. La rivista Science gli dedica un intero speciale pubblicando ben 7 articoli scientifici con le ultime novita’ riguardanti la struttura e la composizione della cometa. Anche se il tempo che Philae ha potuto dedicare agli esperimenti sulla superficie della cometa e’ stato poco e non ha potuto fare o completare tutti quelli previsti i suoi dati sono preziosissimi e hanno permesso di scoprire molte informazione sulla composizione di una cometa. Uno dei dati piu’ interessanti arrivano dall’esperimento Concert, dal quale emerge che la porosita’ interna della cometa e’ tra il 75% e l’85%, molto simile alle pietre pomici. L’interno svela inoltre una grande complessita’, un mix di materiali diversi molto eteregeneo per composizione e grandezza dei grani che sono tenuti insieme tra loro da una sorta di leggero cemento ghiacciato. Il fallito ancoraggio del lander aveva inoltre dimostrato che sotto uno strato di sottili polveri spesso 20 centimetri si nasconde invece un duro ‘guscio’ che ha fatto rimbalzare Philae per piu’ volte. Purtroppo non tutti gli esperimenti sono riusciti a funzionare completamente, ad esempio il driller italiano, ma le indicazioni emerse sono moltissime e hanno aperto moltissime nuove domande.

ESA/Rosetta/Philae/ROLIS/DLR
ESA/Rosetta/Philae/ROLIS/DLR