Morto il giapponese Sakari Momoi, a 112 anni era l’uomo più vecchio del mondo

MeteoWeb

Quando ha ricevuto nel 2014 il certificato del Guinness dei primati, aveva espresso il desiderio di vivere altri due anni

L’uomo più vecchio del mondo, il giapponese Sakari Momoi, dalla scorsa estate decano dell’umanità, è morto all’età di 112 anni: lo hanno annunciato oggi le autorità di Saitama, a Nord di Tokyo, dove ha vissuto per molti anni.

Momoi è deceduto domenica per un’insufficienza renale in una casa di riposo locale, ha detto un funzionario della città. “La sua famiglia ci ha spiegato che le sue condizioni di salute si sono deteriorate nel giro di una o due settimane”, ha spiegato il responsbaile.
Nato il 5 febbraio 1903 a Minamisoma nella prefettura di Fukushima, Momoi era un ex preside di un liceo, appassionato lettore, in particolare di poesia cinese, e amante del sumo.
Sposato nel 1928, ha avuto cinque figli.
Quando ha ricevuto nel 2014 il certificato del Guinness dei primati, aveva espresso il desiderio di vivere altri due anni.