Nasce Bernoulli, la prima caldaia senza metano e senza bolletta

MeteoWeb

Alimentata da una pompa di calore di nuova generazione, già venduto in Italia i primi 100 pezzi Bernoulli Hybrid

Già i primi 100 impianti sono stati venduti a condomini e ad aziende che puntano sul risparmio di costi e di emissioni nell’aria. Un risultato raggiunto in pochi mesi che fa di Bernoulli Hybrid una vera e propria rivoluzione nel panorama delle termoidraulica, dato che si tratta della prima caldaia a basso consumo energetico che non presenta una bolletta del gas se alimentata da fonti di energie alternative.

Si tratta di una pompa di calore ibrida dotata di una nuova tecnologia elettromeccanica che utilizza il fenomeno fisico della cavitazione controllata per garantire una continua produzione di calore ad alta temperatura e a bassissimo costo, cosa impossibile per le pompe di calore in commercio fino ad ora.

L’idea è nata con mio padre davanti a un documentario – racconta Luca Spiga, giovane Ceo della Lucas – poi dall’idea siamo passati alle ricerche e come per gioco ci siamo sfidati a trovare le soluzioni per rendere concreta la nostra teoria, è stato naturale poi passare dall’idea al primo prototipo. Con questo ed i primi test abbiamo da subito capito le potenzialità del nostro progetto e la ricerca è diventata presto qualcosa di professionale. Ci siamo strutturati per creare un ufficio di ricerca e sviluppo che, con l’aiuto di personale altamente qualificato, ci ha permesso di creare un prodotto adatto ad un mercato difficile come quello della termoidraulica. Quell’ufficio di ricerca e sviluppo esiste ancora, ed è una parte fondamentale della Lucas. La nostra azienda non dimentica, infatti, che è nata solo grazie alla ricerca e all’innovazione e continua a lavorare per trovare soluzioni nuove, in grado di aiutare i nostri clienti a risparmiare e a rispettare l’ambiente e in grado di mantenere la Lucas un’azienda leader nel campo delle innovazioni per il risparmio energetico.”

Ma ecco in cosa consiste l’innovazione

Le due fasi chiave di Bernoulli Hybrid

Per riscaldare gli ambienti la pompa di calore Bernoulli Hybrid sfrutta due diversi principi, adattandone il funzionamento alle richieste del condomino o dell’azienda.

La prima fase di riscaldamento avviene sfruttando la compressione di un gas che “ruba” l’energia termica dall’ambiente esterno per renderla disponibile all’ambiente interno, ma la caratteristica che rende unico Bernoulli Hybrid è la seconda fase di riscaldamento, ovvero il brevetto che permette di sfruttare l’energia intrinseca nei legami idrogeno tra le varie molecole d’acqua.

Questo brevetto sfrutta una forte depressione prodotta meccanicamente da una turbina che lavora in una camera stagna di acqua per dare inizio ad un fenomeno naturale simile alla cavitazione.

Il fenomeno della cavitazione nel progetto Bernoulli Hybrid

La cavitazione avviene rompendo meccanicamente i legami idrogeno tra le varie molecole d’acqua, questo ne cambia lo stato facendolo passare da liquido a gassoso e causando una rapida espansione dei gas. L’espansione dei gas (vapore acqueo) continua fino al punto in cui la tensione superficiale del liquido attorno alla bolla di vapore acqueo è superiore alla forza di depressione effettuata meccanicamente dalla turbina; da questo momento in avanti la bolla comincia quella che è la fase di compressione, ovvero la fase in cui viene generato calore.

Una singola bolla cavitativa riesce nella fase di massima compressione a sviluppare fino a 5000°C e 2200 bar di pressione, ovvero più della temperatura della superficie solare.

Le bolle cavitative però sono molto piccole (qualche micron) e di durata estremamente limitata nel tempo (nell’ordine di nanosecondi), una singola bolla cavitativa non sarebbe in grado di soddisfare le necessità di un cliente. Uno dei nostri brevetti consiste, quindi, nel riuscire a creare un effetto costante, ovvero una continua esplosione ed implosione di moltissime bolle cavitative contemporaneamente, che ci dà quindi la possibilità di cedere moltissima energia termica all’utenza, con rendimenti e temperature uniche.