Plutone e New Horizons, il prof. Mike Brown conferma il declassamento del 2006: “non è un pianeta”

MeteoWeb

Le dichiarazioni shock del prof. Brown su Plutone avvicinato oggi dalla sonda New Horizons

Mentre la sonda New Horizons ha cominciato a mandare le sue prime immagini, lo scienziato che ha ‘ucciso’ Plutone, declassificandolo nel 2006 da pianeta a corpo inferiore, non si pente della sua scelta. Intervistato dalla Bbc, il professor Mike Brown del California Institute of Technology di Pasadena ha infatti dichiarato di non averci ripensato: “Chi oggi parla di una possibile riammissione di Plutone fra i pianeti – ha detto – e’ coinvolto nella missione di New Horizons. Per tutti loro e’ emozionalmente difficile”. La difficolta’, secondo lo studioso, e’ appunto quella di dover considerare Plutone, definito “pianeta” per decenni dopo la scoperta nel 1930, come un qualcosa di diverso.

Credits: NASA-JHUAPL-SWRI
Credits: NASA-JHUAPL-SWRI

Un pianeta ‘nano’, ufficialmente, un corpo minore che appunto non rispetta le caratteristiche planetarie stabilite quasi dieci anni fa dall’Unione astronomica internazionale. “Vogliono che Plutone sia un pianeta – ha proseguito Brown – perche’ vogliono dire di essere volati vicino a un pianeta. Farebbero meglio ad accettare la realta’, e cioe’ che Plutone non e’ un pianeta, ed essere contenti per il fatto che sono arrivati a un nuovo tipo di oggetto nel sistema solare esterno”. Gia’ da tempo si discuteva sul reale statuto di questo corpo celeste, ma il colpo di grazia, come lo definisce anche la televisione pubblica britannica, e’ arrivato quando il professor Brown ha scoperto nel gennaio del 2005 il pianeta nano Eris, simile a Plutone ma piu’ grande.

Image Credit: NASA/JHUAPL/SWRI
Image Credit: NASA/JHUAPL/SWRI

Cosi’, in seguito a questa scoperta, che ha scatenato tutto un dibattito sugli oggetti del sistema solare molto lontani, l’Unione astronomica si e’ riunita per poi arrivare a una conclusione: Plutone non rispetta tutte le caratteristiche richieste a un corpo celeste per poter essere considerato un pianeta e in particolare ha una massa che e’ solo 0,07 volte quella degli altri oggetti che circolano nella sua zona orbitale. Basti considerare, per un raffronto, che la Terra ha una massa di ben 1,7 milioni di volte superiore a quella totale degli altri oggetti nella sua orbita. Niente da fare, quindi, per Brown. Plutone non e’ un pianeta secondo la scienza. “E no, non mi pento”, ha concluso lo scienziato alla Bbc, facendo capire che rifarebbe esattamente tutto quello che ha fatto dieci anni fa: ‘uccidere’ Plutone. O forse dargli una nuova vita.