Potente ondata di calore colpisce la Russia meridionale e l’Ucraina, sfiorati i +39°C e avvicinati i record della terribile estate del 2010

MeteoWeb

Forte ondata di calore fra Russia meridionale e Ucraina, temperature prossime ai record del 2010 nell’est Ucraina

Non solo in Spagna e in Italia. In questi giorni una intensa ondata di calore sta interessando anche l’Ucraina e la Russia meridionale, dove localmente si sono toccati picchi di oltre i +36°C +37°C. Le temperature più alte, in queste ore, si stanno registrando proprio fra le pianure della depressione Caspica e parte del Kazakistan occidentale e la Russia meridionale, dove ormai si superano picchi di oltre i +40°C all’ombra.

Si nota il robusto promontorio anticiclonico di blocco sulla Russia europea con la tipica forma a U rovesciata
Si nota il robusto promontorio anticiclonico di blocco sulla Russia europea con la tipica forma a U rovesciata

La presenza di un robusto promontorio anticiclonico di blocco che da diversi giorni staziona sulla Russia europea continua a sospingere dal suo margine più occidentale (quello ascendente) masse d’aria piuttosto calde e secche che alimentano la robusta onda mobile di calore che sta risalendo le pianure della Russia meridionale e l’Ucraina, dove arriva l’isoterma di +20°C alla quota di 850 hpa. Intanto nella giornata di ieri, in molte località della Russia meridionale, i termometri hanno varcato la soglia dei +37°C +38°C, avvicinandosi al muro dei fatidici +40°C. A Divnoe la massima ha superato i +38.3°C, mentre a Rostov si sono lambiti i +37°C. Ma valori prossimi ai +38°C +40°C sono stati toccati in altre località della Russia più meridionale, in prossimità delle pianure caspiche. Oggi si sta ripetendo lo stesso identico copione, con molte stazioni già sopra i +35°C +36°C. In qualche caso i +40°C all’ombra verranno appena sfiorati. Questo flusso di aria molto calda, “continentalizzata” sulle pianure della Russia meridionale, sta raggiungendo anche gran parte dell’Ucraina, attraverso l’inserimento di una debole/moderata ventilazione da SE e S-SE, attiva sul margine più occidentale del promontorio anticiclonico russo.

ondata di calore in ucrainaQuesto flusso molto caldo nei bassi strati, associandosi alle notevoli “Subsidenze atmosferiche” che caratterizzano il promontorio anticiclonico russo, sta causando una brusca scaldata anche su buona parte del territorio ucraino. In modo particolare sugli Oblast’ dell’Ucraina centro-orientale, dove localmente sono stato toccati i +37°C +38°C. Fra le temperature massime più elevate registrate sul territorio ucraino citiamo i +38.4°C di Kupians’K, subito seguiti dai +38.3°C di Mohyliv-Podil’s’Kyi, dai +37.5°C di Izium e dai +37.2°C di Dnipropetrovs’K. In qualche caso, come per Kupians’K e Mohyliv-Podil’s’Kyi, si sono registrati valori davvero eccezionali, prossimi ai record assoluti di caldo stabiliti nella “terribile” estate del 2010 (che causo anche migliaia di morti fra Russia e Ucraina), quando si sgretolarono tutti i record di caldo del paese.

Si nota l'asse dell'onda mobile di calore che colpisce il sud della Russia e l'Ucraina
Si nota l’asse dell’onda mobile di calore che colpisce il sud della Russia e l’Ucraina

Il caldo continuerà ad interessare i territori della Russia meridionale per gran parte della settimana, vista la persistenza del promontorio anticiclonico di blocco sulla Russia europea, che contribuirà ad imporre un vero e proprio blocco alla circolazione atmosferica in prossimità dell’est Europa, costringendo il “getto polare” proveniente dall’Europa a deviare bruscamente verso nord ad est della Scandinavia e della Finlandia, per spingersi oltre il Circolo polare, fin sul mare di Barents, descrivendo una perfetta ondulazione anticiclonica sui territori della Russia europea e degli Urali. Solo in Ucraina nel corso della settimana si assisterà ad una generale rinfrescata per lo sfondamento da O-SO delle più temperate correnti oceaniche, che scorreranno lungo il margine più meridionale di quella depressione extratropicale che dal mar del Nord si spingerà verso la Danimarca e la Svezia meridionale.

ReurmettL’irruzione dell’aria più temperata d’estrazione oceanica pero, scalzando in modo turbolento dal suolo il velo di aria molto calda e umida depositata da questa intensa onda di calore, potrebbe agevolare l’innesco di fenomeni temporaleschi particolarmente intensi, localmente anche violenti, con forti grandinate e rischio tornado, che nei prossimi giorni investiranno diversi paesi dell’est, come Polonia, Ucraina e Bielorussia.