Residuato bellico a Cosenza, 1000 evacuati per la rimozione di una bomba da 220 kg

MeteoWeb

La bomba poi fatta esplodere in una zona di campagna dai militari dell’11/mo Reggimento genio guastatori di Foggia

Sono iniziate, a Cosenza, le operazioni per la rimozione di una bomba di aereo da 220 kg risalente alla seconda guerra mondiale, scoperta in una zona centrale della citta’. Per permettere l’esecuzione dei lavori sono stati evacuati i circa mille residenti presenti nel raggio di 250 metri dal luogo del rinvenimento. Le operazioni di bonifica sono condotte dai militari dell’11/mo Reggimento genio guastatori di Foggia. L’ordigno sara’ poi fatto esplodere in una zona di campagna. L’evacuazione e’ stata disposta dal Comune di Cosenza che ha messo a disposizione dei residenti dell’area interessata situata in via Popilia, il quartiere piu’ popoloso della citta’, i locali dell’Istituto comprensivo Fauso Gullo, dotato anche di aria condizionata. Solo una trentina di persone, per lo piu’ anziane, si e’ pero’ recata nei locali della scuola. Molti hanno preferito spostarsi verso le localita’ marine o di montagna anche in considerazione del gran caldo che si registra in citta’. I guastatori dell’esercito, agli ordini del ten. col. Pietro Romano comandante del battaglione dell’XI Reggimento genio di Foggia sede distaccata di Castrovillari, dopo avere rimosso l’ordigno lo porteranno in un’area individuata nel Vallone del Rovito dove sara’ interrato e fatto brillare. Le operazioni sono svolte in stretto coordinamento con la Prefettura e dovrebbero essere ultimate entro le 15.