Spazio: con Sentinel 2 il pianeta Terra diventa Open

MeteoWeb

Lanciato lo scorso 23 giugno, Sentinel 2 è il secondo satellite del programma Copernicus, e ha l’obiettivo di controllare lo stato di salute del nostro pianeta

Milioni di foto, tutte rigorosamente gratuite, del pianeta visto nei 13 ‘colori’ degli speciali occhi hi-tech di Sentinel 2, la sentinella spaziale europea lanciata appena un mese fa. Il satellite si prepara a diventare pienamente operativo ma intanto regala le prime spettacolari immagini presentate in conferenza stampa a Milano. I dati che raccogliera’ nei prossimi mesi avranno applicazione in tantissimi settori, da un aiuto ai contadini fino alla sorveglianza dell’inquinamento e supporto in caso di catastrofi ambientali. Lanciato lo scorso 23 giugno, Sentinel 2 e’ il secondo satellite del programma Copernicus, varato da Commissione Ue e Agenzia Spaziale Europea (Esa), e ha l’obiettivo di controllare lo stato di salute del nostro pianeta, in particolare delle aree agricole e le foreste. Tra le immagini piu’ interessanti raccolte finora ci sono lo spettacolare mosaico di campi agricoli, con differenti colture, nei dintorni di Avezzano. Questo genere di dati puo’ ad esempio offrire importanti informazioni per il miglioramento delle rese agricole e per identificare lo stato di salute dei terreni. Italia protagonista anche di altri due scatti, il Lago di Garda di cui e’ possibile lo stato di inquinamento delle acque e la Valle Aurina, nel Sud Tirolo, che mostra il ritiro delle nevi. “A breve sarenno lanciati altri due Sentinel, i gemelli di Sentinel-1A e di Sentinel-2A” ha spiegato Volker Liebig, direttore dei programmi di Osservazione della Terra dell’Esa. “Tutte le immagini – ha aggiunto – saranno disponibili on-line e contiamo che gli scatti di Sentinel saranno scaricati da milioni di utenti, per usi di vario tipo, per il rilevamento ambientale, per scopi commerciali ma anche da semplici appassionati. Siamo convinti che supereremo rapidamente la cifra record di 2 milioni download gia’ fatti con i dati di Sentinel-1A“.