Spossatezza, disidratazione, gambe gonfie: i rimedi naturali contro i disturbi causati dal caldo

MeteoWeb

Tra gli inconvenienti dell’estate c’è anche la vasodilatazione (gambe gonfie) ma la natura ha un rimedio per tutto

Spossatezza, disidratazione, gambe gonfie. Sono alcuni dei disturbi più diffusi causati dal caldo. Ci sono piccoli accorgimenti, tutti naturali e senza controindicazioni, che si possono prendere per cercare di contrastare il disagio causato dall’afa. L’ideale è, naturalmente, bere molto e acqua a parte anche le tisane ci vengono in aiuto, ma l’alimentazione fa la sua parte. Estate è sinonimo di frutta e verdura perfette per idratare e alleviare la sensazione di calore. “E’ il momento di mangiare più leggero e crudo possibile: quindi, sì a cibi poco lavorati, frutta lontana dai pasti e, per idratare ancora di più, anguria e cetriolo a volontà“, suggerisce la naturopata Maria Victoria Tuan. Frutta e verdura, consumate nelle dosi giornaliere consigliate dall’Oms (almeno 400 gr al giorno), sono indispensabili per affrontare al meglio i mesi più caldi. Le pesche forniscono minerali ricostituenti come potassio e calcio. Le susine sono perfette per chi cerca alimenti depurativi ed energetici, grazie al contenuto di fruttosio, sali minerali e vitamina A. Per chi vuole un tonico muscolare le ciliegie sono il frutto più adatto perché ricche di sostanze remineralizzanti e disintossicanti. Con le albicocche si fa un pieno di betacarotene, coadiuvante nella protezione della pelle dai raggi del sole, in più si assimilano pochissime calorie e molta acqua, necessaria per mantenere alto il livello di idratazione dell’organismo e per combattere la ritenzione idrica. Il melone è altamente dissetante e ha funzioni diuretiche. Le zucchine sono “vedure antifatica” grazie agli alti apporti di potassio. Gambe e piedi gonfi e pesanti: tra gli inconvenienti dell’estate c’è infatti la vasodilatazione, ma la natura ha un rimedio (quasi) per tutto. “Il consiglio è di utilizzare un gel all’aloe perché è lenitivo, antinfiammatorio, rinfrescante“, continua la naturopata. Bene quindi massaggiare le gambe con l’aloe (bene anche l’ippocastano sotto forma di tintura madre, estratto secco o capsule), ma si può trovare sollievo anche dai pediluvi a base di acqua e bicarbonato, magari aggiungendo qualche goccia di olio essenziale di menta. L’aloe si può anche assumere per via orale e oltre a essere un grande antinfiammatorio, rinfresca l’organismo, ha molti minerali, aminoacidi e vitamine. Un vero e proprio elisir, dunque, soprattutto nei giorni più caldi “perché si perdono più liquidi, aumenta la sudorazione e l’aloe idrata in profondità colmando la perdita di minerali“. L’aloe va bene anche in caso di infiammazioni della pelle, scottature, dermatiti, eritemi.