Stazione Spaziale: la prima flotta cargo europea nel 2020

MeteoWeb

Il nuovo cargo sarà l’evoluzione della capsula di rientro Ixv (Intermediate Experimental Vehicle) dell’Esa

E’ in programma per il 2020 la prima flotta di cargo europea destinata ad un servizio di andata e ritorno per la Stazione Spaziale Internazionale. Lo ha detto all’ANSA il responsabile della missione per l’Agenzia Spaziale Europea (Esa), Giorgio Tumino, a margine di una conferenza sulla missione Ixv che ha tenuto a Caserta. Il nuovo cargo sara’ l’evoluzione della capsula di rientro Ixv (Intermediate Experimental Vehicle) dell’Esa, costruita in Italia dalla Thales Alenia Space e sperimentata in volo l’11 febbraio scorso. Sara’ un veicolo riutilizzabile capace di atterrare come un aereo, come faceva la navetta americana Space Shuttle, andata in pensione nel 2011. Il suo sviluppo rientra nel programma Pride (Programme for Reusable In-orbit Demonstrator in Europe), al quale l’Italia partecipa con Francia, Gran Bretagna, Spagna, Romania, Portogallo, Irlanda, Svizzera e Svezia. Il nuovo cargo, ha spiegato Tumino, sara’ costruito in base alle competenze gia’ maturate con Ixv. Per questo si punta ad avere il coordinamento italiano e a coinvolgere le stesse aziende che hanno gia’ partecipato alla realizzazione di Ixv con l’aggiunta anche di altre competenze. Inoltre, ha proseguito, si intende coinvolgere tutti i Paesi che partecipano a Pride. ”Probabilmente sara’ costruita una flotta di 2-3 cargo spaziali riutilizzabili e non uno solo” ha spiegato Tumino. Lanciata con il nuovo lanciatore Vega, la capsula sara’ usata per trasportare materiali o esperimenti sulla Stazione Spaziale e viceversa. Avra’ la capacita’ di trasportare 300 chilogrammi di materiali e sara’ una sorta di ‘drone’ Spaziale pilotato da Terra ma avra’ anche fasi di guida automatiche. Ora si stanno definendo i requisiti del progetto, ha concluso Tumino, nel mese di settembre parte la fase industriale, nella quale saranno contattate le industrie per elaborare la proposta industriale, poi si passera’ al progetto, alla fabbricazione, ai test e quindi la nuova capsula potra’ entrare in ‘servizio’.