Super caldo a Bolzano: massima di +38,3°C, ma nel 2003 aveva raggiunto +39,9°C

MeteoWeb

Meteo Bolzano, super-caldo ma non come nel 2003. I dati e la situazione

Notti ‘tropicali’ dove la temperatura non scende sotto i 25 gradi, temperature diurne torride che causano malori, fortunatamente di lieve entita’, ghiacciai che si stanno sciogliendo ed elevato pericolo di incendi nei boschi. In Alto Adige l’estate 2015 sara’ ricordata per essere quella con il maggior numero di giornate di gran caldo. Oggi pomeriggio nella conca di Bolzano si sono registrati ben 38,3 gradi, il record degli ultimi 12 anni. Era, infatti, dall’agosto 2003 che non si registrava un valore cosi’ alto. L’11 agosto del 2003 nel capoluogo altoatesino la colonnina di mercurio sali’ fino a 39,9 gradi. Decisamente elevato il tasso di umidita’ che fa percepire una temperatura ancora piu’ elevata.

bolzano 01Molto spesso Bolzano registra la massima piu’ alta d’Italia ma mai quest’estate aveva sfondato il “muro” dei 38 gradi. Il gran caldo sta facendo soffrire anche i ghiacciai. Oltre i 2mila metri i valori oscillano tra i 20 ed i 22 gradi e tra i 12 ed i 14 a 3mila metri. Lo zero termico e’ superiore ai 4.300 metri, altitudine che in Alto Adige non viene raggiunta da nessuna vetta. Cio’ significa che i ghiacciai perenni, da quello dell’Ortles e dello Stelvio fino a quelli della cresta di confine con l’Austria (Alta Val Ridanna) stanno proseguendo la loro ritirata iniziata ormai da diversi anni. Ridotto anche il manto nevoso allo Stelvio dove si pratica lo sci estivo con alcuni impianti che aprono alle ore 7 e chiudono entro le 13.

caldo recordA Bolzano la scorsa notte e’ stata la sedicesima tropicale nell’arco di un mese dove il termometro non e’ sceso sotto i 20 gradi. Anche se non e’ ancora concluso, possiamo gia’ considerare che questo e’ un mese di luglio di caldo eccezionale – dice all’Agi, Dieter Peterlin, il meteorologo della Provincia di Bolzano – siamo su livelli da record. Non era mai accaduto dal 1956, anno d’inizio delle misurazioni giornaliere, che durante la notte il termometro non scendesse sotto i 25 gradi. Nelle precedenti estati considerate piu’ calde, quelle del 2003 e 2010, la minima notturna oscillava tra i 20 e 22 gradi – ha aggiunto Peterlinanche nei prossimi giorni sara’ molto caldo e sono previsti temporali tra venerdi’ e sabato“. Il caldo causa siccita’ ed il rischio di incendi nelle zone boschive e’ elevato. Il servizio forestale provinciale in questo periodo di notevole affluenza turistica nelle localita’ di montagna, ricorda che va rispettato il divieto generalizzato di accendere fuochi ad una distanza inferiore ai 20 metri dal bosco consigliando di evitare qualsiasi altra causa di innesco delle fiamme, dai fiammiferi ai mozziconi di sigaretta.