Tecnologia, i robot dal Rinascimento ad oggi: ecco l’evoluzione degli umanoidi

MeteoWeb

Da animali a vapore metallici a robot umanoidi in grado di “sentire” l’emozioni , l’incredibile evoluzione della robotica

Lo sviluppo della robotica ha prodotto attualmente grandi e importanti novità con risultati sbalorditivi. Erroneamente, spesso la genesi dei robot è accostata ad un periodo di rivoluzione tecnologica, identificata come gli anni a cavallo tra fine ottocento ed inizio novecento.  In realtà la primissima invenzione che può essere propriamente identificata come robot, di cui abbiamo delle testimonianze scritte, è la colomba a vapore ideata da Archita, filosofo e matematico greco, considerato il padre della meccanica razionale.

600px-Leonardo-Robot3Inoltre sono stati ritrovati alcuni taccuini di Leonardo da Vinci, in cui venivano illustrati dei progetti dettagliati di cavalieri metallici, in grado di compiere alcuni movimenti basilari come alzarsi, sedersi, muovere le braccia e la testa. Il primo giocattolo robot che fu ideato in Giappone,  negli anni trenta, era Lilliput: si presentava con un omino metallico di appena 15 cm di altezza, mosso da un sistema meccanico di carica. Alla fine degli anni 40  Wstinghouse creò ELEKTRO, un robot umanoide in grado di camminare, parlare e fumare. Per parlare di robot realmente programmabili dobbiamo aspettare la metà degli anni ’50, in cui George Devol progettò lo Unimate, utilizzato successivamente come nella catena di montaggio della famosissima General Motors. Il primo robot antropomorfa della robotica moderna apparve negli anni ’70, con Ichiro Kato, lo chiamò Wabot I, progettando una decina di anni dopo il primo robot in grado di muoversi in maniera quasi dinamica.

p3-asimoLe principali innovazioni tecnologiche degli anni ’90 passano dal RoboTuna, ideato dal  Massachusetts Institute of Technology, un robot a forma di pesce ideato per studiare la fluidodinamica di alcune specie; al Pathfinder ideato dalla Nasa per l’esplorazione e lo studio dell’atmosfera e del suolo marziano; concludendo con ASIMO robot dotato di un sistema di riconoscimento facciale e capacità di corsa.

Il nostro secolo è caratterizzato da innovazioni robotiche avanzate dalla NASA come i rover robotici Spirit e Opportunity, per finire con il robot spaziale Robonauta 2, umanoide da utilizzare come supporto/sostituto per attività extra-veicolari nello spazio. Come si evince l’evoluzione della robotica ha avuto enormi progressi nel tempo e sembra non avere arresti, producendo un importante prospettiva per i decenni a venire.