Tornado Veneto: “spazzati via case, campi e fabbriche”

MeteoWeb

I veneti dimostrano di essere un popolo con una grande forza d’ animo: stamani i cittadini, volontari giovani e meno giovani si sono rimboccati le maniche

“Ho avuto modo di toccare con mano gli effetti devastanti del tornado che ha colpito i comuni della Riviera del Brenta, in particolar modo Pianiga e Dolo. Per spiegare visivamente la devastazione di fronte alla quale mi sono trovata posso dire che dall’elicottero si vede una striscia lunga e stretta che parte da Pianiga e arriva in laguna dove e’ stato spazzato via tutto quello che si trovava sul percorso, campi, case o fabbriche”. Cosi’ il Sottosegretario all’Ambiente Barbara Degani al termine del sopralluogo effettuato assieme al team della direzione nazionale di protezione civile della Protezione civile. “Sicuramente colpisce il fatto – aggiunge – che sia stata rasa al suolo una villa veneta come villa Fini, ma il mio pensiero e’ fortemente concentrato sulle tante famiglie che non hanno un tetto sopra alla testa, alle tante colture flagellate, e alle aziende devastate. I veneti anche in questa occasione hanno dimostrato di essere un popolo con una forza d’animo, un coraggio e uno spirito di sacrificio straordinari. Questa mattina la situazione che si e’ presentata di fronte ai miei occhi era di grande attivismo: cittadini, volontari giovani e meno giovani tutti che si rimboccavano le maniche per cercare di ripristinare una sorta di normalita’ nel piu’ breve tempo possibile. Per quello che mi compete faro’ si che a breve anche il Governo faccia la sua parte”. “Ringrazio – conclude Degani – la Presidenza del Consiglio per aver mandato subito i tecnici perche’ e’ un passaggio indispensabile ad accelerare la procedura per la dichiarazione dello stato di calamita'”.