Alluvione Rossano: i turisti sono rimasti a dare una mano

MeteoWeb

“Il timore più grande era che la gente andasse via, ma sono rimasti tutti a dare una mano” a Rossano

“Ci siamo svegliati con una cascata d’acqua che entrava in cucina e la casa era mezza allagata, con l’acqua che ci arrivava alla caviglia. Ci sono volute tre ore per farla defluire, per fortuna niente di grave”. Alberto è originario di Rossano, qui torna ogni estate per trascorrere le vacanze dai nonni. Abita nel centro storico, dove la situazione è meno grave rispetto al lido. “Qui in paese -racconta all’Adnkronos- sono crollate una strada e una galleria, il collegamento con lo scalo è stato chiuso a causa di vari smottamenti e frane sulla strada”. Stamattina Alberto è stato al mare a dare una mano. “Sul versante sinistro, accanto al torrente, c’è il disastro, è tutto distrutto, mentre a destra solo sporcizia in strada ma le spiagge sono già pulite e lì la gente già faceva il bagno. C’erano tantissime persone. Ed è stato un sollievo enorme. I lidi hanno resistito e stavano riallestendo tutto. Il mare si sta calmando e non è più marrone”. Qualche turista è rimasto anche in paese. “Il timore più grande -conclude Alberto- era che la gente andasse via, ma sono rimasti tutti a dare una mano”.