Alluvione Rossano: la Procura di Castrovillari chiede una perizia per accertare le cause

MeteoWeb

La Procura di Castrovillari ha chiesto al geologo Carlo Tansi di redigere una perizia sul nubifragio dello scorso 12 agosto

Stabilire se le cause dell’alluvione che ha colpito Rossano e Corigliano Calabro siano “naturali” oppure “legate all’opera umana”. E’ quanto la Procura di Castrovillari ha chiesto al geologo Carlo Tansi, incaricato di redigere una perizia sul nubifragio dello scorso 12 agosto. I magistrati vogliono inoltre verificare “se ci siano eventuali presenze di zone a rischio” e vi siano state, negli anni scorsi, “trasformazioni del territorio, potenzialmente produttive di rischio idrogeologico”. Dalle conclusioni dell’analisi dell’esperto si potrà capire se vi siano state responsabilità di amministratori e privati per le conseguenze dell’alluvione. Durante l’ondata di maltempo si sono rotti in particolare gli argini del torrente Citrea che, straripando, ha invaso di fango molte zone di Rossano. I quesiti dovranno trovare risposta nella relazione del geologo entro una settantina di giorni.