Accadde oggi: nel 2004 viene avvistato per la prima volta un calamaro gigante vivo

MeteoWeb

Ecco il calamaro gigante avvistato per la prima volta in Giappone 11 anni fa

Non si tratta di un essere mitologico o leggendario, ma di un calamaro reale dalla dimensione da guinness dei primati: ben 8 metri di lunghezza. Sono stati i ricercatori del Museo Nazionale di Scienze del Giappone a individuarlo e fotografarlo per la prima volta il 30 settembre 2004, quasi 900 km a sud di Tokyo.

calamaro-gigante-guinness-squid-giappone-tokio-videoL’esistenza di questa specie era già assodata, ma ancora nessuno era riuscito a immortalarne un esemplare vivo. Undici anni fa gli scienziati del museo giapponese, in collaborazione con l’Associazione di Whale Watching delle isole nipponiche Ogasawara, sono riusciti a scovarlo e immortalarlo. Si dovettero attendere due anni, poi, per avvistarlo nuovamente nel suo habitat naturale. La classificazione precisa del calamaro gigante è rimasta comunque incerta, proprio a causa delle difficoltà evidenti sia ad avvistarlo sia a seguirlo nella profondità marine. Secondo gli studiosi esisterebbero diverse specie di questo enorme mollusco, alcune ormai estinte.

calamaro_giganteQuello che si è potuto appurare è che il calamaro gigante vive negli abissi oceanici e le sue dimensioni sono la sua caratteristica più eclatante. Le femmine, infatti, possono raggiungere i 13 metri di lunghezza, mentre i maschi arriverebbero “solo” a 10 metri, con un peso che può raggiungere i 150 kg, contro i 270 delle femmine. L’aspetto è quello di un calamaro normale, ovvero presenta un mantello, otto tentacoli con centinaia di ventose, ciascuna delle quali presenta un diametro medio di 3 centimetri e il bordo formato da anelli taglienti con i quali il calamaro cattura le sue prede. La dimensione degli occhi è altrettanto impressionante: arrivano fino a 30 cm di diametro. La sua età, proprio come accade per gli alberi, si calcola contando gli anelli di crescita. E’ stato possibile studiarne a fondo tutte le caratteristiche grazie agli spiaggiamenti e agli esemplari trovati morti, purtroppo, in diverse parti del mondo; il calamaro gigante, infatti, vive sia nelle profondità dell’Oceano Atlantico settentrionale che nel Pacifico sud-occidentale.

Oltre ad essere soggetto prediletto di studi scientifici, il calamaro gigante è anche diventato protagonista di leggende, alimentate soprattutto dai marinai che lo hanno avvistato in mare aperto, suscitando così le paure di curiosi e viaggiatori.