Alluvione Emilia: a Piacenza fiori e messaggi davanti al negozio di una delle vittime

MeteoWeb

Un saluto a Gigi con fiori, biglietti, lettere e poesie: numerose le persone che si sono recate davanti al negozio della vittima del maltempo a Piacenza

“Quando muore un poeta nel mondo c’e’ meno luce per vedere le cose”. Messaggi, poesie, decine di lumini accesi, fiori, fotografie ai piedi della vetrina del vetrina de “Il castello di foglie”. Nel centro di Piacenza, in via Calzolai, a poche centinaia di metri da piazza Cavalli, in centinaia oggi hanno lasciato un saluto a “Gigi”. Amici e negozianti hanno voluto testimoniare il loro cordoglio anche solo sostando in silenzio davanti alla bottega di fiorista che Luigi Agnelli, 42 anni, una delle vittime dell’alluvione che si e’ scatenata lunedi’ mattina in Valnure e Valtrebbia. Il fuoristrada Cherokee sul quale viaggiava insieme al padre Filippo e’ stata inghiottito dall’acqua del Nure a Recesio, dove la strada e’ crollata. I commercianti e i residenti di via Calzolai ricordano “Gigi” come una “persona dolce, sempre disponibile e sorridente, dotato di grande creativita’ ed intraprendenza che esprimeva anche nel suo lavoro di fiorista”.