Ambiente, FAO: rallenta la deforestazione, migliora la gestione delle foreste

MeteoWeb

Lo studio della Fao copre 234 paesi e territori ed è stato presentato al Congresso mondiale sulle foreste in corso questa settimana a Durban, in Sudafrica

Le foreste del mondo continuano a ridursi mentre aumenta la popolazione e il terreno forestale viene convertito in agricoltura e destinato ad altri usi, ma negli ultimi 25 anni il tasso di deforestazione globale netto è ridotto di oltre il 50%. È quanto afferma il rapporto di valutazione globale della Fao, The Global Forest Resources Assessment 2015, pubblicato oggi. Secondo il rapporto, dal 1990 a oggi sono andati perduti circa 129 milioni di ettari di foresta – un’area equivalente, per dimensioni, quasi all’intero Sudafrica. Tuttavia emerge che un numero crescente di aree forestali è stato protetto, e che molti più paesi stanno migliorandone la gestione, attraverso le leggi, la misurazione e il monitoraggio delle risorse forestali, e con un maggior coinvolgimento delle comunità locali nella pianificazione e nelle politiche di sviluppo. Lo studio della Fao copre 234 paesi e territori ed è stato presentato al Congresso mondiale sulle foreste in corso questa settimana a Durban, in Sudafrica. “Le foreste svolgono un ruolo fondamentale nella lotta contro la povertà rurale, garantendo la sicurezza alimentare e fornendo mezzi di sostentamento”, ha affermato il direttore generale della Fao, José Graziano da Silva, alla presentazione del rapporto a Durban. “E forniscono servizi ambientali vitali, garantendo aria e acqua pulite, la conservazione della biodiversità e la lotta contro il cambiamento climatico”. Graziano da Silva ha poi fatto notare un'”incoraggiante tendenza alla riduzione dei tassi di deforestazione e di emissioni di carbonio da foreste”, così come una migliore informazione in grado di guidare buone politiche, sottolineando che attualmente gli inventari forestali nazionali coprono l’81% della superficie forestale globale, un aumento sostanziale rispetto agli ultimi 10 anni. “La direzione del cambiamento è positiva, ma dobbiamo fare di più”, ha messo in guardia il direttore generale della Fao. “Non riusciremo a ridurre l’impatto del cambiamento climatico e a promuovere lo sviluppo sostenibile se non salvaguardiamo le nostre foreste e utilizziamo in modo sostenibile le molte risorse che ci offrono”, ha aggiunto.