Ambiente: i coralli delle Hawaii rischiano il peggior sbiancamento di sempre

MeteoWeb

Le temperature più calde del solito registrate quest’anno nelle Hawaii potrebbero portare al peggior sbiancamento mai registrato

Nuovo allarme per la salute dei coralli: le temperature piu’ calde del solito registrate quest’anno nelle Hawaii potrebbero portare al peggior sbiancamento mai registrato in quelle isole. Lo sostengono i ricercatori della Hawaii Institute of Marine biology, che spiegano come l’aumento tra i 2 e i 4 gradi delle acque dell’oceano metta a rischio la capacita’ delle barriere di riprendersi dallo sbiancamento che le aveva colpite lo scorso anno. Lo sbiancamento dei coralli e’ una conseguenza di qualche forma di stress; dopo un’alterazione dell’ecosistema (come appunto le temperature piu’ alte) i polipi del corallo espellono l’alga simbiotica (‘responsabile’ della colorazione del corallo), provocando cosi’ la perdita di colore. Lo sbiancamento, avvertono i ricercatori, espone i coralli a pericoli maggiori e aumenta il rischio di morte. Ruth Gates, direttrice dell’Hawaii Institute of Marine Biology, ha spiegato come molti coralli intorno a queste isole si stiano riprendendo solo ora dallo sbiancamento di massa che li aveva colpiti lo scorso anno. Secondo la Gates, per i coralli sara’ piu’ difficile tollerare temperature piu’ calde per due anni di fila. Gli scienziati hanno registrato segnalazioni di sbiancamento in diverse aree delle isole; al largo della Lisianski Island, oltre un miglio e mezzo di barriera e’ gia’ morta. Per tenere traccia dello sbiancamento i ricercatori hanno chiesto aiuto dei cittadini, invitandoli a segnalare gli avvistamenti di sbiancamento su un apposito sito internet.