Clima: gi ambientalisti a Bruxelles manifestano per le rinnovabili

MeteoWeb

Ad inviare l’appello per un futuro all’insegna di un’energia al 100% da rinnovabili un nutrito gruppo di otto organizzazioni europee

Un simbolico tiro alla fune fra combustibili fossili inquinanti ed energie rinnovabili: questa la simbolica manifestazione messa in scena oggi a Bruxelles, in occasione della riunione del Consiglio dei ministri dell’ambiente dei 28, dedicata alla conferenza Onu sul clima. Ad inviare l’appello per un futuro all’insegna di un’energia al 100% da rinnovabili un nutrito gruppo di otto organizzazioni europee, da Greenpeace a Wwf, insieme a Climate Action Network Europe, Friends of Earth Europe, Oxfam, Transport & Environment, Change Partnership e Nature Code. “Facciamo appello ai leader europei perche’ rivedano al rialzo i target europei per il clima, in modo da riflettere l’urgenza di un passaggio ad un sistema energetico totalmente di rinnovabili” spiega Wendel Trio, direttore di Climate Action Network Europe. In vista della conferenza Onu di Parigi “l’Ue deve tracciare la strada per un accordo che acceleri la graduale eliminazione dei carburanti fossili” aggiunge Trio. “Persone comuni – come circa 50mila membri della nostra cooperativa in Belgio – stanno gia’ dimostrando che le comunita’ possono mettersi insieme per controllare e gestire la propria energia rinnovabile” spiega Daan Creuplandt, della maggiore cooperativa di produttori di rinnovabili in Belgio, Ecopower. “Se l’Europa mette il suo peso alle spalle della transizione energetica della gente, molti altri progetti come il nostro potranno fiorire” conclude Creuplandt.