Clima, Met Office: nei prossimi due anni il riscaldamento globale aumenterà

MeteoWeb

Nel nuovo rapporto del Met Office si legge che i tassi di riscaldamento probabilmente registreranno nei prossimi due anni i livelli registrati alla fine del ventesimo secolo

Il mondo rischia di assistere a un ritorno rapido del surriscaldamento globale nei prossimi due anni dopo una pausa del fenomeno che si è avuta nell’ultimo periodo. E’ quanto affermano gli scienziati del ‘Met Office‘. Sono in atto, spiegano gli esperti, grandi cambiamenti nel sistema climatico della Terra, con il fenomeno conosciuto come ‘El Niño’ che si somma all’impatto dei gas serra per spingere le temperature globali a livelli record. Altri cambiamenti nell’Oceano Atlantico fanno ritenere che nei prossimi decenni ci potranno essere estati relativamente più fresche e secche nel Nord Europa ma a livello globale il sistema climatico della Terra è ad un “punto di svolta”, con una serie di importanti cambiamenti che avvengono tutti insieme, ha spiegato il professor Adam Scaife del Met Office. Quindi quello che è avvenuto negli ultimi anni è solo una temporaneo rallentamento o una “pausa” nel fenomeno ma “il segnale è molto chiaro“: il riscaldamento globale sta avvenendo.

El-Nino-1997Nel nuovo rapporto del Met Office si legge che i tassi di riscaldamento probabilmente registreranno nei prossimi due anni i livelli registrati alla fine del ventesimo secolo, quando il mondo stava scaldando rapidamente. Gli anni 2014, 2015 e 2016 potrebbero segnare il record o essere vicini ad eguagliarlo, in parte a causa dell’influenza del fenomeno di ‘El Niño’ del surriscaldamento della superficie nell’Oceano Pacifico. Per gli scienziati c’è in corso un grande ‘El Niño’, che farà sentire i suoi effetti anche d’inverno, paragonabile a quello del 1998 che aveva spaventato il mondo. Scaife sottolinea anche che ‘El Niño’ è solo “la ciliegina sulla torta” perché a guidare il cambiamento climatico sono le emissioni di gas serra e le attività umane. “Alcuni di questi fenomeni sono naturali, c’era stato ‘El Niño’ anche nella preistoria, tuttavia solo ora c’è anche una massiccia influenza dell’uomo e quando si verifica ‘El Niño’ e fa alzare le temperature c’è anche questo aspetto in più che fa raggiungere temperature record“.

el nino noaa 000‘El Niño’ è un fenomeno climatico periodico che si verifica nell’Oceano Pacifico centrale nei mesi di dicembre e gennaio in media ogni cinque anni, ma con un periodo statisticamente variabile fra i tre e i sette anni. Il fenomeno provoca inondazioni, siccità e altre perturbazioni che variano a ogni sua manifestazione. I paesi in via di sviluppo che dipendono fortemente dall’agricoltura e dalla pesca, in particolare quelli che si affacciano sull’Oceano Pacifico, ne sono i più colpiti, sebbene si ritiene possa avere effetti anche a scala globale attraverso modificazioni della circolazione atmosferica in tutto il pianeta.