Clima: Parigi sarà un successo se ci saranno “impegni precisi e vincolanti”

MeteoWeb

La conferenza sul clima si terrà a Parigi tra novembre e dicembre

La conferenza Onu sul clima di Parigi sara’ un successo se ci saranno “degli impegni precisi da parte degli Stati e che questi siano vincolanti”. Cosi’ il sottosegretario all’Ambiente, Barbara Degani, in occasione del Consiglio dei ministri dell’ambiente dell’Ue, oggi a Bruxelles. Alla conferenza Onu di Parigi “l’Ue fara’ sempre la sua parte come ha fatto finora e continuera’ a farla – ha assicurato Degani – in un panorama internazionale in cui la volonta’ europea sara’ sempre in primo piano: l’abbiamo fatto le scorse volte e lo faremo anche questa volta”. Degani e’ apparsa ottimista sul fatto che grandi emettitori come Brasile, India, Turchia o Sudafrica, ancora assenti all’appello a presentare i propri impegni di riduzione delle emissioni di gas serra, lo facciano a tempo debito. “Come dice Ban Ki-moon ‘non c’e’ un piano B’, quindi noi riteniamo che ci debba essere questa possibilita'” ha detto il sottosegretario all’ambiente. Bocche cucite invece per quanto riguarda il prossimo contributo dell’Italia ai finanziamenti al Fondo verde per il clima. “E’ motivo di trattativa – ha spiegato Degani – e nella sostanza siamo d’accordo, ma riteniamo che quando si va ad un tavolo (dei negoziati Onu sul clima, ndr) bisogna mantenere qualche numero coperto: e’ essenziale per la tattica, altrimenti arriviamo scoperti”. A mettere nero su bianco una cifra per l’Unione europea saranno solo i ministri delle finanze dei 28, il prossimo novembre.