Domenica 6 settembre nelle piazze d’Italia i geologi tra la gente

MeteoWeb

“Nelle piazze d’Italia sarà una festa, che coinvolgerà bambini e famiglie. Si potrà essere geologi per un giorno”

“Un Paese senza conoscenza e senza memoria è un Paese senza futuro. Il 6 Settembre per la prima volta scenderemo nelle piazze italiane per informare, per dare la possibilità alla gente comune di sapere cosa sia un geo – rischio. Perché ci sono i Vulcani? Perché abbiamo i terremoti e le alluvioni? Chi è il geologo e cosa fa? Il 6 Settembre lo diremo direttamente ai cittadini”. Lo ha affermato Gian Vito Graziano, Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi (CNG). “L’area in cui si trova la casa in cui vivo a quali rischi è esposta? E la scuola che frequenta mio figlio – ha proseguito Graziano –  è in zona sismica, è soggetta al rischio idrogeologico o a quello vulcanico? Sono queste alcune delle domande semplici che vorremmo che ogni persona si ponesse e che stimoleremo attraverso questa iniziativa. Esporremo carte geologiche, ma anche immagini degli eventi geologici del passato. La gente potrà vedere da vicino gli strumenti di indagine e di studio utilizzati dai geologi e stimoleremo l’interesse verso le tematiche connesse alla Geologia. Nelle piazze d’Italia sarà una festa, che coinvolgerà bambini e famiglie. Si potrà essere geologi per un giorno ed i più piccoli avranno l’opportunità di partecipare ad attività laboratoriali”. 

Domani, Domenica, 6 Settembre saranno, infatti, diverse le principali piazze italiane (elenco suwww.cngeologi.it) nelle quali i cittadini potranno entrare in contatto diretto con “la geologia”. Non solo a Palermo – dove il Presidente Nazionale Gian Vito Graziano sarà presente insieme al coordinatore della Commissione Protezione Civile del CNG, Michele Orifici -, ma anche in Piazza  Salotto a Pescara, a Roma (alle ore 10 in Piazza San Silvestro e nel pomeriggio presso la “Casa della Cultura” V Municipio), in Friuli Venezia Giulia a Grado (incrocio tra Largo San Grisogono e Viale Europa Unita), in piazza Roma ad Ancona, a Termoli in Piazza Monumento, a Bari in Piazza del Ferrarese.

Appuntamento con i cittadini anche in Sardegna, a Nuoro in  Piazza Vittorio Emanuele – Giardini Monte Ortobene dalle ore 10, in Piazza Mario Pagano a Potenza e a Nola, nel napoletano, presso il centro commerciale Vulcano buono”. E ancora in Piazza San Giorgio a Reggio Calabria, mentre a Bologna i geologi saranno al Parco dei Celestini con due punti di appoggio in Via Orefici e Piazza Re Enzo. Appuntamento sempre alle ore 10 anche in Sicilia, in Villa Sperlinga a Palermo, in Toscana a Firenze (Piazza della Repubblica), a Perugia in Piazza IV Novembre , ad Aosta in Piazza Emilio Chanoux, a Treviso in piazzetta Aldo Moro.

La conoscenza della geologia, di come si comporta la Terra, dei fenomeni naturali che, per vari motivi, si trasformano in rischio per i cittadini è un primo gradino, fondamentale, nel lungo e complesso percorso di crescita della consapevolezza e della cultura della prevenzione nel nostro Paese” ha commentato il Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio. “Se ogni cittadino conosce come è fatto il territorio nel quale vive può, con maggiore consapevolezza, decidere cosa fare, quali azioni mettere in campo, che informazioni chiedere e quali aspetti verificare quando, per esempio, compra una casa, oppure decide di mettersi in auto anche in presenza di una allerta meteo. Ecco, questo altro pezzo di strada, finalizzato a diffondere una matura cultura della protezione civile, da diversi anni il Dipartimento della Protezione civile, insieme alla comunità scientifica, alle Regioni e allo straordinario mondo del volontariato organizzato, lo sta percorrendo attraverso la campagna Io Non Rischio-buone pratiche di protezione civile: i volontari, formati, scendono in piazza per sensibilizzare i propri concittadini. Il prossimo appuntamento è per il 17 e 18 ottobre”.