Ecco il Bastardo Blu: la sua arma letale è il bacio

MeteoWeb

Si chiama Bastardo Blu, è furbo e la sua arma più letale è il bacio

Arriva dall’Australia la nuova scoperta in campo ittico. Una nuova specie di pesce a cui i pescatori che lo hanno individuato hanno dato un nome bizzarro: Bastardo Blu, nome scientifico Plectorhinchus caeruleonothus. Lungo fino ad un metro, possiede ben dodici spine dorsali e si comporta da vero e proprio duro, dimostrando intelligenza e aggressività.

Il Bastardo Blu era fino a poco tempo fa sconosciuto alla scienza, fino al fortunato e curioso momento in cui il pescatore australiano Ben Wright lo pescò e, non riuscendo a identificarlo, ne inviò una foto al Queensland Museum. Gli scienziati che si sono presi carico dell’individuazione della specie hanno lavorato per cinque mesi, attraverso ricerche e analisi del DNA. E solo da pochi giorni l’ittiologo del museo, Jeff Johnson, ha confermato che il Bastardo Blu fa parte di una nuova specie del genere di pesci ossei.

Sulla scheda pubblicata dalla rivista di zoologia, Zootaxa, si possono leggere le caratteristiche del pesce, che presenta una peculiarità interessante e forse unica: il suo bacio è la sua arma più pericolosa. Attraverso una sorta di bacio, infatti, metterebbe in atto un morso potentissimo. Utilizzato solo dagli esemplari maschi, il morso in questione è utile nei combattimenti per il controllo del territorio. Non si tratta dunque di una dolce tecnica di seduzione, come avevano pensato alcuni pescatori che hanno avvistato coppie di Bastardi Blu agganciati per la bocca, ma di una violenta stretta per la mascella, durante la quale i due pesci che si stanno affrontando si dimenano e non si fermano finché uno dei due non molla la presa, sfinito dalla lotta.

Il Bastardo Blu vive abitualmente nelle acque torbide e scure a nord dell’Australia. Caccia e si nutre di piccoli crostacei e larve di gamberi e granchi. Durante la crescita il suo aspetto cambia, soprattutto nel colore: appena nato è nero a strisce gialle e solo in seguito prende il distintivo colore blu, che gli ha dato parte del nome.