Emilia-Romagna: terminata la fase di pericolo grave per gli incendi

MeteoWeb

“Importante è stata l’attenzione dei cittadini, sempre più sensibili e pronti a segnalare velocemente gli incendi in caso di avvistamento”

Si è concluso il 31 agosto il periodo di grave pericolosità per gli incendi boschivi, disposto dal 24 luglio scorso dall’Agenzia regionale di Protezione civile dell’Emilia Romagna d’intesa con le Province, il Comando regionale del Corpo forestale dello Stato, la Direzione regionale dei Vigili del fuoco e con il supporto del volontariato di Protezione civile. La decisione è stata assunta in base alle previsioni Arpa relative al breve-medio periodo. Rimane comunque attiva fino al 30 settembre la fase di attenzione sull’intero territorio regionale. Questa estate sono stati oltre 500 gli interventi sul territorio, per una superficie boscata di quasi 72 ettari, effettuati dalla Sala operativa unificata permanente, che dall’1 luglio al 31 agosto ha garantito un servizio costante di monitoraggio e coordinamento con il contributo del personale della Protezione civile, Vigili del fuoco, Corpo forestale dello Stato e dei volontari. “Ringrazio tutti per l’ottimo lavoro svolto – afferma l’assessore regionale alla Protezione civile Paola Gazzolo – il controllo del territorio è stato fondamentale per la buona riuscita della campagna antincendio, soprattutto in considerazione delle temperature elevate che si sono registrate in particolare nel mese di luglio”. “Altrettanto importante – conclude Gazzolo – è stata l’attenzione dei cittadini, sempre più sensibili a questo problema e pronti a segnalare velocemente gli incendi in caso di avvistamento”.