Expo Milano 2015, Vivaio delle Idee: domani il 2° Opportunity Day

MeteoWeb

Il Vivaio delle Idee è uno spazio presente in EXPO Milano 2015 a disposizione delle eccellenze italiane nel settore dell’agroalimentare e dell’innovazione

Lunedì 7 settembre alle ore 16.30 si terrà il secondo Opportunity Day all’interno del Vivaio delle Idee, la giornata speciale promossa da Padiglione Italia e ItaliaCamp, volta a far incontrare le eccellenze e i progetti innovativi del settore agroalimentare con un panel di investitori, fondi, Venture Capital e aziende.

Le startup che parteciperanno alla giornata sono state selezionate tra quelle che hanno presentato il proprio progetto nelle ultime giornate del Vivaio delle Idee, spazio a disposizione delle startup, spinoff all’interno di Expo Milano 2015, proposto e gestito da Padiglione Italia, Mipaaf e Fondazione ItaliaCamp, cui hanno preso parte già oltre 60realtà innovative italiane.

I progetti protagonisti dell’Opportunity Day del 7 settembre sono:

– AlghItaly, azienda produttrice di microalghe per integratori alimentari e farmaceutici;

– BioSoil, progetto che opera nei settori dell’ingegneria naturalistica e idraulica, nella bonifica biologica di terreni e acqua e nel ripristino del territorio di cave e discariche, utilizzando prodotti con un elevato valore di sostenibilità, in quanto costituiti da essenze vegetali erbacee abbinate a specifici consorzi microbici;

– Ecobnb – La community del Turismo Sostenibile, portale di incontro tra viaggiatori responsabili e strutture ricettive che stanno investendo in un futuro migliore;

– Ecosistemi, sistemi di trattamento delle acque reflue che uniscono tre processi biologici in uno e caratterizzati dall’essere compatti, modulari e di design innovativo;

– Funghi Espresso, startup che produce funghi freschi in modo sostenibile e naturale, utilizzando il fondo di caffè proveniente da bar e ristoranti come substrato per la coltivazione;

– Ikrotec, dispositivi wireless volti all’”Internet of things” specialmente nel campo della domotica, in particolare per la climatizzazione e la termoregolazione, attraverso l’integrazione degli impianti a sistemi software utili a massimizzare il risparmio energetico.

I progetti si presenteranno con un pitch di 10 minuti ad un panel di aziende ed investitori composto dai rappresentanti di: Fondo Atlante Ventures; Vertis sgr; Zebra Ventures; Unicredit; WCAP Milano, Sviluppo Lazio, StartMiUp, Unioncamere Lombardia, Siamo Soci, Intesa San Paolo, Carlsberg Italia , Panakès Partners, Xandas – New Media Ventures, Key Capital, Alfa-CM, dPixel tbc.

Il Vivaio delle Idee è uno spazio presente in EXPO Milano 2015 a disposizione delle eccellenze italiane nel settore dell’agroalimentare e dell’innovazione che ospita startup, buone pratiche, spin-off universitari e brevetti scientifici provenienti da tutte le Regioni d’Italia.
Il Vivaio è l’iniziativa che Padiglione Italia, il Ministro delle Politiche Agricole, Ambientali e Forestali (Mipaaf) e Fondazione ItaliaCamp dedicano alla capacità di innovazione dei giovani imprenditori italiani.
Gli incontri sono ospitati all’interno della Lounge del Mipaaf (Cardo Sud Est), che insieme al Padiglione Italia è anche il principale promotore dell’iniziativa.
Fondazione ItaliaCamp, dopo aver curato l’organizzazione del Road Show e aver gestito la Call for Ideas per il Padiglione Italia raccogliendo più di 300 progetti su tutto il territorio italiano da novembre 2014 a marzo 2015, gestisce il palinsesto del Vivaio delle Idee con l’obiettivo di “nutrirlo” di progetti innovativi provenienti da tutti i territori e dalle migliori Università e centri di eccellenza italiani.
Il Vivaio delle Idee si svolge tre giorni a settimana (lunedì, giovedì e venerdì) dalle 16.30 alle 18:30 per tutta la durata dell’esposizione universale.
Il Vivaio delle Idee è attivo dal 16 luglio ed hanno già partecipato oltre 60 startup e progetti.

Struttura:
Il Vivaio delle idee è strutturato in una round table nel corso della quale un gruppo selezionato di discussione composto da massimo 20/25 partecipanti presenta e commenta le progettualità innovative protagoniste della giornata (fino a un massimo di 7), secondo un programma definito e una scaletta di intervento programmata. 5 minuti per ogni speech a cui seguiranno 5 minuti di question time con i partecipanti alla tavola rotonda.