Flavia Carvalho: l’artista che trasforma le cicatrici in meravigliosi tatuaggi contro la violenza

/
MeteoWeb

Flavia Carvalho, artista e tatuatrice brasiliana, grazie al suo ammirevole progetto “A pele de flor” trasforma le cicatrici in meravigliosi tatuaggi contro la violenza, facendo riacquistare alle donne, vittime di abusi, violenze e malattie devastanti, l’autostima perduta

Si chiama Flavia Carvalho, ha 31 anni, è un’artista e tatuatrice brasiliana molto creativa e sensibile verso le donne meno fortunate. Le foto dei suoi lavori circolano sul web, commuovendo. L’artista, che vive a Curtiba, nella capitale dello stato del Paranà, ha dato vita 2 anni fa ad un progetto ammirevole : “A pele de flor” che tradotto significa “La pelle del fiore”; un progetto in grado di trasformare sfregi, lividi, cicatrici di mastectomie ed altre malattie devastanti, sino alle più banali vene varicose, in opere d’arte. Partendo da queste “tele” che sottendono profonda sofferenza, Flavia realizza tatuaggi particolarissimi, come romantici ricami floreali e motivi geometrici per contribuire, nel suo piccolo, a far riconquistare alle donne più sfortunate un pizzico di autostima.

TATUAGGI 2Tutto ebbe inizio quando nel suo studio si presentò una donna che aveva subito un accoltellamento alla pancia con un coltello a serramanico per il solo fatto di aver rifiutato le avances del suo carnefice. I risultati del tatuaggio realizzatole per coprire, almeno in superifice, quell’orribile sfregio, hanno spinto l’artista a spingersi oltre, aiutando gratuitamente molte donne in difficoltà. Colorar la pelle per Flavia è una vera e propria missione, una risposta ed un supporto a quanto deturpa il corpo femminile. Certo, il passato rimane dentro, ma la cicatrice, con i suoi capolavori artistici, diventa simbolo di bellezza, coraggio e rinascita. Purtroppo è da sola, al momento, a portare avanti il progetto, dal momento che nessun tatuatore ha espresso il desiderio di collaborare. I tatuaggi possono piacere o meno, ma è difficile criticare il lavoro di chi sta facendo il possibile per migliorare la vita delle donne. L’artista, che pubblica i suoi lavori sulla sua pagina Facebook, minimizza il suo impegno dicendo: “Si tratta di un granello di sabbia, il mondo è pieni di cose che devono essere affrontate. Abbiamo una lunga strada da percorrere per quanto riguarda la protezione delle donne”.