Fukushima: iniziato lo sversamento dell’acqua radioattiva in mare

MeteoWeb

Iniziato lo sversamento in mare dell’acqua di falda radioattiva immagazzinata nella centrale di Fukushima danneggiata dal terremoto dell’11 marzo 2011

La Tepco, che gestisce l’impianto nucleare di Fukushima, ha annunciato di aver iniziato lo sversamento in mare dell’acqua di falda radioattiva immagazzinata nella centrale danneggiata dal terremoto dell’11 marzo 2011.
Prima dello sversamento l’acqua è stata filtrata, ha aggiunto la società.
Il primo giorno sono state sversate in mare 850 tonnellate di acqua diventata radioattiva al passaggio vicino alla centrale. E’ la prima volta che lo sversamento avviene dal 2011 a causa dei timori dei pescatori sull’effetto del liquido radioattivo sull’ambiente marino. Tepco ha sostenuto che l’acqua di falda è sicura perché è stata filtrata attraverso il sistema Advanced Liquid Processing che rimuove le sostanze radioattive come lo stronzio e il cesio. Il processo non elimina, però, il tritio.
Tepco estrae ogni giorno 300 tonnellate di acqua sporca dal terreno sottostante la centrale di Fukushima e deve ancora trovare una soluzione per le 680mila tonnellate di acqua altamente radioattiva stoccata nel sito che include anche il liquido utilizzato per raffreddare i reattori dopo lo tsunami.